Contenuto sponsorizzato

Sicurezza a Trento, 115 nuove telecamere per la videosorveglianza nei sobborghi. Ecco dove saranno posizionate

Il progetto si sviluppa su tre anni e prevede anche 50 nuovi punti d'accesso wi-fi. Per garantire il funzionamento delle telecamere sono stati inoltre installati nel data center comunale 6 nuovi server video che mantengono le registrazioni per 7 giorni, con cancellazione automatica delle immagini al termine del periodo

Di gf - 30 gennaio 2018 - 12:42

TRENTO. Aumenta la videosorveglianza sul territorio del comune di Trento. L'obiettivo è quello di potenziare la presenza di telecamere soprattutto nei sobborghi ed è per questo che si è dato avvio ad un piano che prevede l'installazione di 115 nuove telecamere digitali ad alta risoluzione per aumentare la sicurezza di alcune zone.

 

L'intervento ha previsto l'installazione, già avvenuta, di 45 nuove telecamere per il primo anno e di ulteriori 35 telecamere per ognuno dei 2 anni successivi.

 

I luoghi scelti per il posizionamento delle telecamere sono soprattutto gli spazi di aggregazione come parchi e piazze. Per il primo anno sono già state installate 9 telecamere nel giardino e nel parcheggio di Canova, 6 nel giardino di casa Pedrolli, nella piazza e nella rotatoria tra via Feininger – via Don Milani (circoscrizione di Gardolo), 10 a Cognola, in piazza dell'Argentario, 6 nel giardino di Martignano tra via dell'Albera e via Maderno, 3 nel giardino e in piazza dei Predaroi a Villamontagna, 4 nel giardino di via Caio Valerio Mariano a Piedicastello, 3 nella piazza di Ravina, 4 nel giardino presso il centro civico in località Vela. 

 

Per il secondo anno, i lavori saranno completati entro luglio, sono state previste ulteriori 35 telecamere: 3 a Spini di Gardolo nel Giardino Pont dei Vodi, 3 nella circoscrizione di Meano, nel giardino Gardolo di Mezzo e in via del Dos de la Luna (zona fermata bus), 4 nel giardino di Mattarello e nel parcheggio di piazza Perini, 4 ancora a Meano nel giardino della Madonnina, in piazza dell'Assunta, nel parcheggio in via delle Sugarine, 4 nel giardino e nel parcheggio di Oltrecastello, 4 a Povo nel giardino di via dei Rivi, in piazza Manci e nel parcheggio della Circoscrizione, 3 nel giardino di Romagnano, 3 nel giardino di San Lazzaro a Gardolo, 3 a Sardagna nel giardino, nel parcheggio via Caduti e in piazza San Filippo e Giacomo, 4 a Villazzano nel giardino di Villa de Mersi e in piazza Monsignor Nicolini.

 

Per il terzo anno è infine prevista l'installazione di ulteriori 35 telecamere, in posizioni in fase di definizione, a Cadine, Gazzadina, Montevaccino, San Donà, San Rocco, Sopramonte, Valsorda, Vigo Meano, Vigolo Baselga.

 

Per garantire il funzionamento delle telecamere sono stati inoltre installati nel data center comunale 6 nuovi server video che mantengono le registrazioni per 7 giorni, con cancellazione automatica delle immagini al termine del periodo. A completamento del progetto, è prevista anche la copertura wi-fi per l'accesso a Internet mediante la rete comunale Wilma, nei parchi e nelle piazze oggetto di videosorveglianza, grazie all'installazione di 50 nuovi Access Point.

Il costo dell'intervento è pari a 165 mila euro per ciascuno dei 3 anni, per un totale complessivo di 495 mila euro. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 maggio - 19:16

Ci sono 5.400 casi e 462 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 675 (315 letti da Apss e 360 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tampone a 0,15%

25 maggio - 18:12
I tamponi analizzati sono stati 675 per un rapporto contagi/tampone che si attesta a 0,15%, il dato più basso da inizio epidemia. Un positivo nelle ultime 24 ore. Il Trentino si porta complessivamente a 5.400 casi e 462 decessi da inizio emergenza coronavirus
25 maggio - 16:21

L'assessora Segnana è intervenuta per scaricare la responsabilità sull'Ordine dei medici. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Se esecutivo e dirigenti provinciali hanno sempre bisogno di qualcuno che dica cosa fare, per quale motivo vengono pagati dai trentini? Chieda scusa e ringrazi Ioppi invece di accusarlo". L'Upt: "Accuse di Segnana inaccettabili e vili. Bullismo istituzionale, arroganza e impreparazione"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato