Contenuto sponsorizzato

Tamponamento a catena tra Povo e Villazzano all'altezza del Crm

Ancora una volta un incidente in via Castel di Pietrapiana nel tratto dove le auto girano e vanno verso il centro di raccolta. Portata all'ospedale una bambina di un anno

Pubblicato il - 24 agosto 2018 - 16:19

TRENTO. Ancora un incidente in via Castel di Pietrapiana a Povo. All'ingresso del Crm di Villazzano e Povo questo pomeriggio, intorno alle 15, si è verificato un tamponamento a catena tra una serie di auto. La ragione è sempre la stessa in quel tratto di strada. Le auto che provengono da Villazzano all'improvviso rallentano per poter attraversare la strada e dirigersi al centro di raccolta multimateriale.

 

Quel punto, però, si trova in avvallamento al termine di una discesa e a metà di un lungo rettilineo di una strada provinciale. Le auto, solitamente, corrono e capita che non riescano a frenare in tempo quando le precede un altro veicolo che deve girare. Da anni in circoscrizione, a Povo, si discutere di come mettere in sicurezza quel tratto di strada anche per gli attraversamenti ciclo pedonali (poco sopra c'è il campo da calcio di Gabbiolo frequentato da molti bambini e famiglie) ma ad oggi, nonostante si fossero ipotizzate rotonde all'altezza di via alla Cros, restringimenti di carreggiata, spartitraffico ed altri provvedimenti, nulla è stato fatto.

 

Sul posto è arrivata anche un'ambulanza perché a bordo di uno dei veicoli coinvolti si trovava una bambina di un anno portata in ospedale per precauzione.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato