Contenuto sponsorizzato

Tentata rapina in banca, con il volto coperto e un coltello minaccia i cassieri

E' successo ieri a mezzogiorno a Lizzana. L'uomo non è riuscito a portare a termine il colpo grazie al sistema di sicurezza. E' fuggito a piedi. Avviate le ricerche da parte delle forze dell'ordine

Pubblicato il - 23 maggio 2018 - 08:42

ROVERETO. Paura ieri alla cassa rurale di Lizzana dove un uomo, attorno a mezzogiorno, è entrato brandendo un coltello e chiedendo ai cassieri di consegnargli tutto il denaro.

 

L'uomo ha forse valutato che fosse il momento migliore visto che l'impegno delle forze dell'ordine era per la maggior parte diretto al Giro d'Italia. Non ha però valutato bene il sistema di sicurezza.

Nel momento in cui è entrato in banca, infatti, i due cassieri presenti, accortosi di quello che stava accadendo, hanno immediatamente attivato il blocco automatico del sistema di sicurezza interno che impedisce qualsiasi genere di prelievo.

 

L'uomo, che secondo le prime testimonianze potrebbe aver avuto una trentina d'anni, è entrato con il volto coperto. All'interno della filiale, come già detto, erano presenti i due cassieri mentre la direttrice era in quel momento fuori ufficio. Il suo ritorno, però, è coinciso con la tentata rapita durata pochi minuti e mentre si trovava ancora all'esterno si è accorta di quello che stava accadendo ed ha avvisato le forze dell'ordine.

 

L'uomo vedendo che in nessun modo riusciva ad ottenere il denaro è uscito dalla banca ed è fuggito a piedi. Immediatamente sono partite le ricerche da parte delle forze dell'ordine.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.47 del 13 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 dicembre - 05:01

La prorettrice di Unitn Barbara Poggio: “Le ricerche dimostrano che aumentare i servizi e ridurre i costi degli stessi funzionano meglio degli aiuti economici diretti”. La misura non piace nemmeno ai sindacati: “Le persone decidono di farsi una famiglia se hanno un buon lavoro non per delle vaghe promesse propagandistiche”

14 dicembre - 20:09

Per la Lega abolizione della caccia Lombardia attribuire la responsabilità (se di responsabilità si parla) dell'accaduto all'ungulato è sbagliato. Come sbagliate sono le strategie di contenimento di questi animali: ''Non a caso in oltre trent’anni di gestione del problema da parte dei cacciatori, questa specie in Italia è aumentata in maniera esponenziale''

14 dicembre - 19:05

Il 14 dicembre dello scorso anno Antonio Megalizzi 29 anni, giornalista, è stato ucciso da un proiettile esploso a Strasburgo, tre giorni prima, in un mercatino di Natale, da un terrorista. Oggi tante iniziative per ricordarlo. In radio una maratona per Antonio e l'amico Bartosz

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato