Contenuto sponsorizzato

Tragedia al lago di Ledro, è Alexander Bernd Haselbach l'uomo annegato

Pubblicato il - 20 giugno 2018 - 10:28

LEDRO. E' Alexander Bernd Hazelbach di 33 anni l'uomo che ieri pomeriggio è affogato nel lago di Ledro. Secondo le informazioni raccolte, l'uomo sarebbe stato vittima di un malore improvviso dovuto, si pensa, all'acqua fredda e dall'aver appena mangiato.

 

Il corpo è stato ripescato dai sub dei vigili del fuoco a pochi metri dalla riva. L'uomo si trovava in vacanza con i genitori che non vedendolo tornare a casa hanno lanciato in serata l'allarme.

 

Secondo quando ricostruito, dopo pranzo il trentenne avrebbe lasciato il padre, la madre e il fratello per fare una passeggiata. Ad un certo punto si sarebbe fermato sulla riva per lasciare i propri oggetti personali per terra si sarebbe immerso in acqua. A questo punto l'uomo si presume sia stato colpito dal malore.

 

L'allarme è stato lanciato in serata, intorno alle 20, quando sulla riva sono stati ritrovati documenti e vestiti. Sul posto si sono portati i soccorsi, l'ambulanza e l'elicottero, i vigili del fuoco volontari della zona e i carabinieri di Riva del Garda. Anche i sommozzatori di Trento hanno raggiunto il lago di Ledro per immergersi e setacciare le acque.

 

Le ricerche sono durate quasi un'ora, fino al ritrovamento del corpo senza vita.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 19:05

Nel pomeriggio si è riunita la sala operativa della Protezione civile. In arrivo sono previste abbondanti precipitazioni che rischiano di appesantire i manti nevosi, già a rischio scivolamento a quote medio-alte, e di portare i corsi d'acqua al di sopra della soglia d'attenzione. La situazione dovrebbe cambiare nella serata di domani

18 novembre - 18:29

L'uomo ha lasciato la sua casa di Quero Vas nel primo pomeriggio di ieri e da quel momento non si sono più avute notizie

18 novembre - 12:04

Il problema è più diffuso di quel che si potrebbe pensare infatti sono molti i senza fissa dimora che pur di non separarsi dall’amico animale scelgono di non accedere alle strutture residenziali, sfidando la rigidità dell’inverno e talvolta mettendo in pericolo la propria vita

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato