Contenuto sponsorizzato

Muore affogato nel lago di Lavarone, era scomparso davanti agli occhi di figli e moglie

E' successo poco prima delle 13.30 nel lago che si trova sull'altopiano a circa 1.079 metri d'altitudine. Ricerche rese complicate da un violento acquazzone, poi diventato grandine, che si è abbattuto in località

Pubblicato il - 20 agosto 2018 - 20:04

LAVARONE. Si è conclusa nel modo più tragico la ricerca dell'uomo scomparso nel lago di Lavarone. Poco minuti fa i sommozzatori sono riusciti a individuare e riportare a riva il corpo senza vita del cinquantenne. 

 

E' successo poco prima delle 13.30 nel lago che si trova sull'altopiano a circa 1.079 metri d'altitudine.

 

Un piccolo lago che raggiunge massimo i 17 metri di profondità, ma che rimane piuttosto freddo, anche nelle ore centrali del giorno. A causare l'affogamento potrebbe essere stato un malore.

 

L'uomo stava attraversando il lago in direzione in direzione nord-est verso il lido Bertoldi, quando all'improvviso è scomparso alla vista dei figli e della moglie che si trovavano a riva.

 

Il cinquantenne non è riemerso e sono stati i famigliari a lanciare immediatamente l'allarme.

 

Sul posto si sono subito portati i soccorsi, ambulanzaelicottero e i vigili del fuoco di Lavarone, mentre i sommozzatori si sono verricellati e calati nel lago per avviare le ricerche e scandagliare i fondali alla ricerca dell'uomo.

 

Un'operazione resa ancor più complicata per un fortissimo acquazzone, poi diventata grandine, che si è abbattuto sull'altipiano. 

 

Tante le persone che hanno seguito con apprensione gli eventi, ma purtroppo per l'uomo non c'è stato nulla da fare.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato