Contenuto sponsorizzato

Tragedia di Storo, è Marco Bindo l'ingegnere morto, lascia la moglie e due figli

Vittima di un incidente sul lavoro oppure di un malore. A nulla sono valsi i tentativi di rianimazione del personale sanitario. Le forze dell'ordine stanno ricostruendo l'accaduto

 

Pubblicato il - 27 marzo 2018 - 18:21

STORO. E' Marco Bindo, l'ingegnere trovato senza vita allo Stork Club. La tragedia è avvenuta questo pomeriggio. L'uomo di 47 anni stava effettuando delle misurazioni per la ristrutturazione dell'ex discoteca ma, per motivi ancora in corso di accertamenti, sarebbe caduto per diversi metri. 

 

Tra le ipotesi quella di un incidente sul lavoro oppure un malore. Oltre all'elicottero, sul posto si sono portati i vigili del fuoco volontari di Storo, i carabinieri di Pieve di Bono, l'Arma di Storo e la polizia della Valle del Chiese per effettuare le indagini e ricostruire l'evento.

 

L'uomo è stato trovato riverso a terra in arresto cardiaco. Le condizioni sono apparse subito disperate: a nulla sono, purtroppo, valsi i tentativi di rianimazione del personale sanitario.

 

La vittima, residente a Darzo, al quale era stato affidato il compito di effettuare il progetto di ristrutturazione dell'edificio, lascia la moglie e due figli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 20:28

Sono 297 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 42 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi, mentre sono 38 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

 
 
20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato