Contenuto sponsorizzato

Un pino cembro in fiamme in una zona impervia, notte di lavoro per i pompieri

La scorsa notte si è registrato un violento temporale nell'area e un fulmine ha colpito un pino cembro di grosse dimensioni nelle vicinanze di Malga Mare a circa 1.072 metri di altitudine. Necessario l'intervento dell'elicottero, le operazioni sono durate fino a questa mattina

Pubblicato il - 04 giugno 2018 - 11:58

PEJO. Notte di lavoro per una ventina di uomini dei vigili del fuoco volontari di Pejo a causa di un incendio.

 

La scorsa notte si è registrato un violento temporale nell'area e un fulmine ha colpito un pino cembro di grosse dimensioni nelle vicinanze di Malga Mare a circa 1.072 metri di altitudine.

 

Le fiamme hanno iniziato a avvolgere l'albero.

 

Il forte rumore e il bagliore non sono passati inosservati e l'allarme è scattato immediatamente.

 

I vigili del fuoco volontari di zona sono entrati subito in azione, ma il pino si trovava all'interno di una gola rocciosa e l'area è particolarmente impervia e difficilmente accessibile.

 

A quel punto i pompieri hanno attivato l'elicottero per sorvolare l'area e circoscrivere l'incendio per mettere in sicurezza la zona.

 

Dopo i primi interventi per monitorare la situazione e limitare il diffondersi del fuoco, i vigili del fuoco e l'azienda forestale sono riusciti a raggiungere l'albero alle prime luci dell'alba per terminare le operazioni di spegnimento.

 

Nella mattina di oggi l'emergenza è rientrata, mentre gli uomini dei soccorsi sono impegnati nella fase di bonifica per spegnere gli eventuali ultimi focolai.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.22 del 09 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 05:01

La nuova Giunta della provincia di Trento non ha mai nascosto la sua contrarietà per dei progetti ritenuti troppo ''calati dall'alto'' anche se il calo delle risorse pubbliche impone delle scelte. In Trentino, tra l'altro, ci sono poco quasi 70 Comuni con meno di 1.000 abitanti contro una quindicina in Alto Adige eppure Kompatscher ha scelto (e ottenuto di finanziare) una strada opposta a quella trentina

09 dicembre - 19:38

In una conferenza stampa altisonante, la Lega trentina ha annunciato la sua presenza in piazza in concomitanza con il resto d'Italia per spiegare alla cittadinanza le politiche fiscali del governo giallo-rosso e per dire no a nuove tasse. Peccato che la manovra provinciale finisca proprio per aumentare le imposte (taglio delle esenzioni al pagamento dell'Irpef e dei ticket sanitari per tutti), colpendo i ceti più deboli e favorendo quelli più benestanti

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato