Contenuto sponsorizzato

Una croce per ricordare Davide, anche i pompieri si mobilitano per realizzare il desiderio della famiglia

Il 23enne di Taio, impegnato tra i vigili del fuoco, era rimasto vittima di un incidente sul lavoro, quando, in Val Camonica nel bresciano insieme a altri colleghi per conto di una ditta trentina, era stato travolto da un tronco

Pubblicato il - 01 settembre 2018 - 15:16

TAIO. Un momento di grande commozione per la comunità di Taio che si è mobilitata per ricordare Davide Chini, il giovane di 23 anni scomparso nell'ottobre del 2017.

 

Il 23enne di Taio era rimasto vittima di un incidente sul lavoro, quando, in Val Camonica nel bresciano insieme a altri colleghi per conto di una ditta trentina, era stato travolto da un tronco (Qui articolo).

 

Oggi è avvenuta la posa di una croce sul Corno di Tres. Una croce, fortemente voluta dalla famiglia e realizzata da un fabbro, zio di Davide, che trova posto in un luogo molto caro al giovane, così come a tutte le comunità della Predaia in Val di Non.

 

Anche i pompieri sono entrati in azione e si sono spesi per ricordare un commilitone e aiutare a realizzare il desiderio dei famigliari.

 

I vigili del fuoco hanno prima messo a disposizione i mezzi per trasportare la croce a valle e quindi l'hanno portata un centinaio di metri lungo il sentiero fino al Corno di Tres, dove è stata issata

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato