Contenuto sponsorizzato

Vigili del fuoco volontari: bilancio per Riva, nuovo direttivo per Dro. Boroni: "Siete voi che mi date la forza di andare avanti"

A causa degli interventi numerosi, le risorse per Riva del Grada non bastano. Il comandante si appella al presidente provinciale Ioppi. A Dro, eletto all'unanimità il nuovo comandante Luca Sartorelli

L'assemblea dei vigili del fuoco di Riva: (da sin.) Ioppi, Depentori, Boroni, DiLucia, Caproni, Alberti.
Pubblicato il - 29 gennaio 2018 - 20:23

RIVA DEL GARDA. Tempo di elezioni e di bilanci nei corpi dei vigili del fuoco volontari di Riva del Garda e Dro1.243 sono gli interventi che il corpo di Riva ha eseguito nel corso del 2017, di cui un centinaio si riferiscono ad incendi e 71 ad incidenti stradali. Un territorio di competenza, il loro, affatto semplice, vista la grande affluenza turistica: 70 chilometri quadrati solamente tra il comune di Riva del Garda e Nago-Torbole con oltre 20.000 abitanti e due milioni e mezzo di turisti nel 2017.

 

"Tenendo come punto fermo l’attività svolta 1.243 interventi - spiega il comandante del corpo di Riva Graziano Boroni - non posso che evidenziare alcune problematiche che in questi quasi cinque anni di comando del corpo di Riva del Garda, non mi hanno sicuramente reso il compito facile. Risorse economiche, assistenza amministrativa, assicurativa, legale; tutto aumenta in modo esponenziale con l’aumento degli interventi, le necessità aumentano". Il comandante ha colto l'occasione per chiedere al neoeletto presidente della federazione vigili del fuoco volontari del Trentino Tullio Ioppi, presente in sala, di assicurare i fondi necessari in grado di permettere ai corpi in provincia di lavorare con maggiore serenità dispondendo dei mezzi adeguati.

 

Due sono i nuovi capisquadra scelti tra i sette candidati a Riva del Garda, entrambi con un passato da vigile allievo e nel corpo da oltre dieci anni. Si tratta di Yari Depentori, classe 1991, oggi istruttore del gruppo allievi e Daniele Di Lucia, classe 1990.

 

"Oggi chi mi dà la forza di andare avanti - ha sottolineato Boroni - siete voi vigili che dimostrate quotidianamente una voglia di mettersi in gioco, con spirito di abnegazione, nei confronti di chi ha bisogno. Un grande gruppo, pur con le sue dinamiche di pensiero a volte diverse, ma che non perdono mai di vista lo scopo che ci ha fatto diventare vigili del fuoco: non il correre con le sirene, non la bella divisa, non essere in bella vista, ma essere di aiuto al prossimo".

 

Si rinnova completamente il direttivo a Dro, dopo le dimissioni del comandante Denis Santoni.  Il nuovo comandante è Luca Sartorelli, eletto all'unanimità, da trent'anni nei vigili del fuoco del comune della valle dei Laghi e già magazziniere, cassiere, capo squadra e capo plotone. Il capo plotone uscente Emanuele Ferro ricoprirà la carica di vicecomandante. Completano il direttivo il cassiere Tommaso Pedroncelli, la segretaria Nora Petri, il magazziniere Cristofer Clauser e il capo plotone Lorenzo Faitelli.

Il corpo di Dro ha chiuso il 2017 con 310 interventi, tra questi spiccano 25 incendi di varia gravità, 35 incidenti stradali, 18 supporti in elicottero e 25 momenti addestrativi. I restanti interventi si dividono tra servizi tecnici (sblocco porte, bonifica vespe, soccorsi animali) e vigilanze in occasione sia delle gare al crossodromo del Ciclamino che degli spettacoli in occasione di Drodesera.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 novembre - 08:13

La vicenda kafkiana di Andrea Zanettini, carabiniere in congedo, che dopo un grave infortunio alla schiena ha deciso di curarsi con la cannabis ma per questo gli è stata ritirata la patente. L’uomo si trova intrappolato da 3 anni in un labirinto fatto di burocrazia e stigma sociale

15 novembre - 11:37

Le nevicate intense delle ultime ore stanno mettendo a dura prova la viabilità sulle nostre strade. Dal passo Fedaia chiuso per rischio valanghe alla di Garniga da Garniga Vecchia a località Viote; la Sp64 di Fai da località Santel ad Andalo chiuse pericolo caduta alberi

15 novembre - 09:07

Chiuse le scuole, i musei e i teatri. La città lagunare è in allarme. E' prevista  una punta massima di marea di 160 centimetri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato