Contenuto sponsorizzato

Conoscere il Trentino e le sue comunità, le storie d'integrazione e inclusione. Parte il viaggio de ''Il mondo in piazza''

Noi de Il Dolomiti seguiremo questo straordinario viaggio raccontando di volta in volta le storie dei protagonisti, mettendo al centro il loro vissuto, il riscatto e quello che oggi è il Trentino. Il progetto vede protagonista l'associazione “46° Parallelo – Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo” affiancata da un'importante rete di partners come Acav, Atas, Uisp e ben otto comunità 

Di Giuseppe Fin - 29 May 2019 - 13:29

TRENTO. Conoscenza, confronto tra chi vive nel territorio, comprensione di una società che cambia e la capacità di fare informazione con modi e modelli nuovi.

 

Ci sarà anche il Dolomiti nel nuovo progetto “Il mondo in piazza” nato da un lungo lavoro di co-progettazione che vede protagonista l'associazione “46° Parallelo – Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo” affiancata da un'importante rete di partners come Acav, Associazione Centro Aiuti Volontari, Atas, Associazione Trentina Accoglienza Stranieri e Uisp Trentino. Ci si avvalerà anche dell'importante collaborazione tecnica della casa di produzione Filmwok di Trento.

 

Il progetto girerà su quattro ruote gran parte del Trentino attraverso un vero e proprio furgone che trasformerà le piazze in luogo di incontro e testimonianza attorno a vari temi dall'accoglienza della diversità, alla storia dell'emigrazione trentina passando per lo spopolamento delle valli alpine.

 

Noi de Il Dolomiti seguiremo questo straordinario viaggio raccontando di volta in volta le storie dei protagonisti, mettendo al centro il loro vissuto, il riscatto e quello che oggi è il Trentino.

 

“Questo è un progetto di informazione – ha spiegato Raffaele Crocco, presidente di 46° Parallelo – Atlante delle guerre e dei conflitti del mondo – che ha come obiettivo quello di coinvolgere i territori sul tema dell'integrazione. Consentirà di capire i problemi che ci sono nelle comunità e come in modo comune vengono affrontati mettendo a confronto le diverse modalità”.

 

 

Tutto questo verrà fatto con otto tappe con il coinvolgimento di associazioni ed enti locali. Si partirà da Flavon sabato 1 giugno con il tema “Accoglienza della diversità”. Qui a partire dalle 12 ci sarà in piazza l'apertura della mostra fotografica di Fabio Bucciarelli sulla guerra in Libia. A seguire inizieranno i giochi in strada con grandi e piccini con la Uisp. Spazio poi alle testimonianze con l'Associazione Padre Angelo e la cooperativa GSH. Ci sarà anche un momento di riflessione con Raffaele Crocco , direttore dell'Atlante delle Guerre e dei Conflitti per terminare poi in serata con lo spettacolo teatrale “Eisbolè”.

 

A seguire, poi, sabato 22 giugno l'appuntamento si sposta al parco Miralago di Riva del Garda e sabato 29 giugno a Malè, piazza Regina Elena. Nel mese di luglio il progetto raggiungerà Ossana sabato 6 luglio, poi Altavalle nella frazione di Grumes in piazza del Municipio il 13 luglio . Mentre il 20 luglio sarà il turno di Lavis al parco dell'Anfiteatro per arrivare poi a Trento in piazza Cesare Battisti sabato 27 luglio. Il format sarà poi ripresentato durante la settimana dell'accoglienza organizzata da A.m.a ad Arco.

 

Otto comuni, otto comunità che per un intero pomeriggio porteranno le proprie storie e le proprie sfumature in piazza per farle conoscere e capire.

 

“Il Mondo in Piazza – ha spiegato Elisabetta Bozzarelli, direttrice di Acav – è un progetto costruito creando una rete di soggetti che mirano ad andare oltre lo schermo e vogliono tornare alla realtà concreta delle persone che sono nelle piazze. Dobbiamo e vogliamo far capire l'importanza di esserci e di provare a conoscere assieme”. A parlare della necessità di portare all'attenzione delle comunità il tema delle migrazioni lo spiega invece Atas. “Spesso troviamo una narrazione di questi fenomeni sui social in parte distorta rispetto a quella della realtà. Vogliamo andare in mezzo alle comunità per conoscere e valorizzare le diversità”.

 

Le modalità di comunicazione che verranno messe in campo nel progetto sono molte a partire da quella grafica, con la presenza nelle varie tappe del fumettista Flavio Rosati (Il Flaviatore) che attraverso il linguaggio dei fumetti cercherà di raccontare i vissuti delle persone. Ma ci sarà anche lo sport, elemento fondamentale dell'integrazione sul nostro territorio. “Attraverso lo sport – spiega la Uisp – si possono portare esperienze di inclusione e partecipazione uniche. Il tutto animando le piazze con moltissime attività”.

 

Il progetto è finanziato dalla Provincia di Trento  e trova il supporto dei comuni di Altavalle, Arco, Contà, Lavis, Malè, Ossana, Riva del Garda e Trento.  

 

La prima tappa de “Il mondo in piazza”, come già detto, sarà a Contà, frazione di Flavon. Da qui partirà il fantastico viaggio per raccontare i territori e le comunità del Trentino.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 luglio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 luglio - 06:01
Guglielmo Piro è il fidanzato di Sara Pedri. L'ultimo messaggio la sera prima della scomparsa: ''Le ho scritto 'Ti amo' ma non l'ha mai [...]
Cronaca
23 luglio - 19:41
Trovati 54 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 5 guarigioni. Ci sono 3 pazienti in ospedale, nessuno in terapia [...]
Politica
23 luglio - 19:57
Il capogruppo di Fratelli d'Italia in un post di Facebook spiega: "Non ho avuto dubbi e mi sono vaccinato. Ma credo che la decisione sia personale, [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato