Contenuto sponsorizzato

Dal bidone della carta spunta un cucciolo. E' un piccolo pastore del Lagorai che ora ha un nuova famiglia

E' successo questa mattina a Strigno. Dino stava portando fuori l'immondizia quando ha sentito il cucciolo piangere. Portato a casa, in poche ora è stato adottato

Pubblicato il - 21 settembre 2019 - 18:00

STRIGNO. Abbandonato, da solo, dentro uno scatolone, nel bidone della carta. E' un cucciolo di pastore del Lagorai quello che ieri mattina Dino, un abitante di Strigno, inValsugana, appassionato di cani, si è trovato davanti poco dopo essere uscito di casa per gettare dell'immondizia.

 

“Mi stavo avvicinando ai bidoni – ci racconta telefonicamente – e ad un certo punto ho sentito un guaito insistente”. Pochi passi ancora e da uno scatolone dentro il cassonetto è spuntato un nasetto e due occhioni. Un cucciolo.

Qualcuno poco prima lo aveva abbandonato. “Credo – ha spiegato Dino – che lo avessero lasciato da poco. Non era sporco e comunque appariva in salute, ben in carne. Dalle dimensioni direi che avrà circa un mese”.

 

Preso in braccio è stato subito portato a casa e poco dopo grazie all'aiuto dei social il piccolo pastore del Lagorai ha trovato una nuova famiglia. “Tempo poche ore ed è stato subito adottato. La tenerezza di questo cane ha fatto colpo immediatamente” ha concluso colui che l'ha salvato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 19:21

Fototrappolato dal forestale Tommaso Borghetti pochi giorni fa sui Lessini il maschio alfa giunto dalla Slovenia e unitosi alla femmina alfa (li si riconosce perché alzano la zampa entrambi per segnare il territorio GUARDA I VIDEO) nel 2012 spiega come la dispersione sia il segreto del successo di questi animali. ''Uno dei suoi figli nati sulle nostre montagne è stato avvistato in Slovenia. Ha fatto il percorso inverso a lui, mentre una femmina, sempre slovena, è arrivata a Paneveggio''

20 ottobre - 18:50

I sinistri a catena si sono verificati all'altezza dello svincolo che dalla strada che da Dermulo va verso Sanzeno gira per Coredo

20 ottobre - 16:05

L'uomo, un 35enne del Centro Italia, andava spesso in Val Rendena in vacanza. Poi si armava di zainetto e scarpe da trekking e invece che andare per funghi o mirtilli raggiungeva le sue piante di cannabis

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato