Contenuto sponsorizzato

Dal Trentino voleva aiutare un'associazione in Marocco ma viene denunciato per traffico internazionale di rifiuti

L'uomo stava portando con un furgone dei vecchi elettrodomestici per aiutare, una volta riparati e rivenduti, un'associazione che assiste persone affette da sindrome di Down in Marocco. Il personale della Dogana, però, ha considerato il carico illegale e lo ha sequestrato 

Foto da internet
Pubblicato il - 20 gennaio 2019 - 08:43

TRENTO. Non voleva fare nulla di illegale e di certo non pensava di dover fare i conti con una denuncia per traffico di rifiuti che prevede pene molto severe. A finire nei guai è stato un trentino, originario dal Marocco ma da oltre 30 anni residente nella nostra provincia assieme alla propria famiglia.

 

L'uomo cerca di aiutare un'associazione che assiste le persone affette da sindrome di Down che si trova in Marocco, il suo paese di origine. Un impegno che lo ha visto nell'ottobre dello scorso anno raccogliere, in maniera completamente legale da amici e da un grossista, dei vecchi elettrodomestici che hanno la possibilità di una seconda vita. Televisori, radio, cellulari, tostapane ma anche tanti altri elettrodomestici che pur essendo vecchi, una volta riparati e rivenduti in Marocco avrebbero potuto aiutare un'associazione.

 

Il tutto è stato messo in un furgone con il quale l'uomo si è diretto poi al porto di Genova. Arrivato sul posto, però, nell'attesa di imbarcarsi, il personale della Dogana gli ha chiesto di aprire il furgone. Gli agenti si sono trovati davanti un centinaio di elettrodomestici che lo hanno considerato come carico illegale ed è quindi stato tutto sequestrato.

 

L'uomo è stato invece denunciato per traffico internazionale di rifiuti ed è stato costretto a tornarsene in Trentino. Qui si è rivolto ad un avvocato che ha presentato un ricorso in tribunale che è stato accolto dimostrando che tutti i prodotti erano stati raccolti in maniera legale. Ora si attende il dissequestro del mezzo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato