Contenuto sponsorizzato

Danneggia arredi e impianti della stazione poi distrugge una panchina. Fermato un 22enne incastrato dalle telecamere

E' successo a Pergine. Il ragazzo è ritenuto responsabile di altri danni in Valsugana. Era riuscito anche a forzare la finestra della tabaccheria  portando via qualche centinaio di euro

Pubblicato il - 23 marzo 2019 - 10:29

PERGINE. E' stato fermato dai Carabinieri l'uomo che nella notte tra giovedì e venerdì ha devastato la stazione di Pergine Valsugana. Si tratta di un 22enne, di origine marocchina, già ritenuto responsabile di altri reati nelle ultime settimane in diverse zone della Valsugana.

 

Nella tarda serata di giovedì scorso, il 22enne dopo essere riuscito a forzare una porta, era entrato nella stazione danneggiando arredi e impianti. E' passato poi lungo i binari dove ha distrutto una panchina con basamento in cemento gettandola lungo i binari ed infine, dopo aver forzato una finestra, ha rubato il fondo cassa della tabaccheria, qualche centinaio di euro il bottino.

 

Ad incastrarlo, immagini della videosorveglianza, che ne riprendevano i movimenti. Rintracciato e condotto in caserma, l’uomo non ha opposto resistenza ed ha ammesso le proprie responsabilità.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato