Contenuto sponsorizzato

Deve scontare una pena ma fugge in quota e si nasconde in una stalla tra le mucche

Il ragazzo, un 24enne rumeno, nascondeva un segreto. Salito sopra Feltre aveva cominciato ad accudire le mucche di una struttura ma la giustizia lo ha rintracciato

Pubblicato il - 11 novembre 2019 - 20:24

FELTRE. Si era davvero dato alla macchia: scappato in montagna tra le mucche e i boschi nella speranza che nessuno lo andasse a cercare. Ma la legge, alla fine, lo ha rintracciato e per il giovane cittadino rumeno è stato tempo di saldare il suo conto con la giustizia.

 

Era stato, infatti, condannato a un anno e nove mesi di reclusione G.G. (queste le iniziali del 24enne) per un furto compiuto poco tempo prima. Per sfuggire alla pena il ragazzo ha pensato di scappare in montagna convinto che nessuno sarebbe andato a cercarlo in una stalla sopra Feltre.

 

Qui ha cominciato a fare il pastore accompagnando le mucche al pascolo e curandole all'interno della struttura. Pensava di aver fatto perdere le sue tracce e di avercela fatta ma in realtà l'unità investigativa della squadra mobile di Treviso lo stava cercando e, si sa, le voci corrono veloci. Insieme ai colleghi di Belluno, gli uomini della mobile di Treviso sono infatti riusciti a rintracciarlo. Giunti in quota il giovane si è visto scoperto e si è arreso per essere condotto in carcere a Treviso. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 17:53

Sono stati analizzati 3.403 tamponi, 179 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 5,3%. Il bilancio è di 201 morti in questa seconda ondata

25 novembre - 17:28

Il Pibe de Oro si è spento mercoledì 25 novembre a 60 anni a causa di un arresto cardiorespiratorio

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato