Contenuto sponsorizzato

Fermato per un controllo a una fermata di bus, risulta latitante da oltre un anno. Dovrà scontare 3 anni e 6 mesi per reati contro il patrimonio

Un giovane di 25 anni, su cui pendeva una pena a 3 anni e 6 mesi, è stato identificato durante un normale controllo mentre sostava a una fermata di un autobus di Arco in attesa di salire sulla corsa. Nelle formalità di rito, risultava essere latitante da oltre un anno

Pubblicato il - 15 September 2020 - 12:00

ARCO. Fermato per un semplice controllo mentre attendeva l'autobus in una fermata di Arco, un 25enne è stato identificato come un latitante che doveva scontare 3 anni e 6 mesi di reclusione per reati contro il patrimonio. Il giovane, un cittadino marocchino residente a Mori, era ricercato dall'anno scorso.

 

Sottoposto ad una minuziosa ricerca da parte delle forze dell'ordine locali, il ragazzo veniva identificato solo grazie ad un controllo avvenuto in una fermata di bus arcense. Nelle operazioni di identificazione, emergeva come si trattasse infatti proprio di un soggetto su cui pendeva un provvedimento d'arresto dovuto all'unificazione di pene concorrenti. Terminate le attività di rito, l'uomo è stato tradotto al carcere di Trento, dove sconterà la pena inflitta.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato