Contenuto sponsorizzato

Droga e alcol nelle valli di Fiemme e Fassa, 30 persone identificate e un ragazzo fermato con alcune dosi di cocaina

L'operazione della compagnia dei carabinieri di Cavalese per prevenire i reati predatori ma anche, di notte, per controllare la circolazione stradale, al fine di scongiurare il fenomeno della guida in stato d’ebrezza alcolica e/o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti

Pubblicato il - 24 novembre 2019 - 13:32

CAVALESE. Sono state oltre un trentina le persone identificate e un giovane segnalato per il possesso di cocaina. Questi i risultati dei controlli capillari che sono stati portati avanti dalla compagnia dei carabinieri di Cavalese per prevenire i reati predatori ma anche, di notte, per controllare la circolazione stradale, al fine di scongiurare il fenomeno della guida in stato d’ebrezza alcolica e/o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

 

Nel fine settimana sono stati controllati due locali della Val di Fiemme ed identificate, come già detto, una trentina di persone. Gli accertamenti poi proseguiti per tutta la notte di sabato, hanno avuto esito positivo. Nella rete dei Carabinieri è finito un giovane del luogo che è stato trovato in possesso di alcuni dosi di cocaina.

 

Il ragazzo verrà segnalato al Commissariato del Governo di Trento quale assuntore. La segnalazione non meno grave della denuncia, avrà tra l’altro ripercussioni sulla validità della sua patente di guida, che come previsto dall’art. 75 D.P.R. del 309/90, subirà sicuramente restrizioni.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato