Contenuto sponsorizzato

Fiamme altissime e il fienile viene distrutto in poche ore. I pompieri pompano acqua anche dalle piscine ed evitano che l'incendio si propaghi

Scoppiato poco prima delle 17 a Roncadizza ha messo in pericolo un albergo della zona l'Hotel Scherlin. Sul posto molti corpi dei vigili del fuoco ma per la struttura non c'è stato niente da fare

Pubblicato il - 16 agosto 2019 - 19:01

ORTISEI. E' andato a fuoco in pochissimo tempo il grande fienile di Roncadizza vicino all'Hotel Scherlin nel comune di Ortisei. Un incendio le cui cause sono ancora da accertare ma che ha visto andare letteralmente in fumo la grossa struttura in legno che sorgeva a fianco dell'albergo lungo la strada provinciale 64 che da Ortisei sale fino alla frazione di San Michele.

 

Una zona molto turistica della Val Gardena dove sorgono diversi alberghi. L'edificio, usato come fienile, ospitava anche un pollaio e fungeva anche da garage. All'interno, infatti, alcuni veicoli sono andati completamente distrutti come anche l'intera struttura.

 

 

L'allarme è scattato intorno alle 16.45 e subito sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Roncadizza, quelli di Selva di Val Gardena, di Santa Cristina, di Ortisei, di S. Michele-Castelrotto, di Bolzano: un grande dispiegamento di forze e mezzi per domare le fiamme ed evitare che si propagassero alla struttura vicina. I pompieri hanno utilizzato autobotti e autogrù e per recuperare altra acqua hanno anche pompato quella delle piscine della vicina struttura recettiva. 

 

Sul posto anche i carabinieri per ricostruire quanto accaduto e cercare di capire cosa può aver innescato l'incendio oltre che i sanitari anche se al momento non si conterebbero feriti.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 marzo - 19:07

Le vittime sono 8 donne e 9 uomini. Sono 304 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 50 in ventilazione semi-invasiva e 80 in ventilazione invasiva. Sono invece 6 i guariti e 187 i guariti clinicamente

01 aprile - 09:30

Solo 10 giorni prima il 28enne era stato dimesso dall’ospedale di Rovereto, il primo tampone era risultato negativo, avrebbe dovuto effettuare il secondo per certificare l’avvenuta guarigione. Gli amici: “Abbiamo il cuore spezzato, lo ricorderemo come un grande amico, indimenticabile per il suo animo umano, educato, saggio e gran lavoratore”

01 aprile - 08:46

Fino ad oggi la Provincia si era “dimenticata” di conteggiare gli anziani deceduti all’interno delle case di riposo. L’errore è emerso dopo un confronto tra i dati del coordinamento medico dell’Azienda Sanitaria e quelli del Comitato Anticrisi residenze per anziani

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato