Contenuto sponsorizzato

Fingeva di dormire con il volto coperto da una giacca sul treno. Arrestato un pluripregiudicato mentre tentava di entrare in Italia

E' avvenuto alla stazione del Brennero, dove l'uomo, accortosi dei controlli, è sgusciato nel suo scompartimento cercando di nascondersi agli occhi dei poliziotti saliti per il rito dei controlli. Tentativo inutile, quello del 62enne, arrestato e condotto in carcere dove sconterà 8 anni e 7 mesi per diversi reati

Pubblicato il - 07 novembre 2019 - 10:41

BOLZANO. Il tentativo di celarsi agli occhi della polizia, salita sul treno per i rituali controlli al confine, ha finito per smascherare un uomo italiano di 62 anni, pluripregiudicato che doveva ancora scontare 8 anni e 7 mesi di reclusione. Trovato infatti al Brennero sul convoglio proveniente da Monaco di Baviera, il soggetto rientrava rapidamente nello scompartimento, si copriva il volto con una giacca e spegneva la luce interna.

 

L'atteggiamento dell'uomo finiva però per insospettire i poliziotti, che, effettuati controlli più approfonditi appuravano come lo stesso fosse oggetto di un provvedimento di ricerca emesso dalla Procura della Repubblica di Grosseto per un cumulo di pene dovuto a numerosi reati, fra cui furto, rapina, evasione e lesioni.

 

Fermato, veniva così tratto in arresto e condotto alla casa circondariale di Bolzano.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

21 novembre - 19:46

Per colpa del maltempo una frana si è abbattuta sulla strada che collega le frazioni di Zoldo Alto e Forno di Zoldo (dove si trova la scuola). Per questo i bambini sono stati coinvolti in una singolare avventura: aggirare la colata di fango sopra una passerella sul torrente Maé

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato