Contenuto sponsorizzato

Fuori dal garage aveva la fila di auto ma era in pensione. Beccato dalla polizia ora si cerca di risalire ai clienti

E' successo a Varda nel comune di Bedollo e a scoprirlo è stata la polizia stradale della stazione di Predazzo. Tante le giornate di monitoraggio dell'attività dell'uomo che rischia fino a oltre 15.000 euro di multa

Pubblicato il - 23 November 2019 - 10:58

PREDAZZO. Era in pensione eppure dal suo garage privato andavano e venivano continuamente auto e veicoli. Insospettiti dall'andirivieni gli agenti della polizia stradale di Predazzo hanno cominciato a monitorare il piazzale antistante il garage e alla fine sono arrivati a documentare che erano in corso lavori di riparazione di autoveicoli con l’utilizzo di attrezzature tecniche professionali. L’operazione svolta, nei giorni scorsi, dagli agenti di polizia ha avuto come teatro la località Varda nel comune di Bedollo.

 

Dai controllo documentali è emerso che il responsabile dell’attività risultava non più iscritto alla Camera del Commercio, (e quindi stava violando l’articolo 10 della Legge 122/92, che prevede la sanzione amministrativa da 5.164 a 15.493 euro e la confisca delle attrezzature professionali). Ma non è tutto: ora sono in corso le notifiche delle violazioni amministrative nei confronti dei clienti che si sono avvalsi dell’opera abusiva del meccanico in pensione (previste dalla stessa Legge 122/92, che comportano una sanzione amministrativa da 51 a 258 euro).

 

Poiché l’attività nel campo della vendita e dell’autoriparazione di autoveicoli viene costantemente monitorata dalla polizia stradale nell’ambito del territorio, che per quanto riguarda il Distaccamento di Predazzo abbraccia non solo le valli di Fiemme e Fassa ma comprende anche la Valfloriana la valle di Cembra ed il Primiero, si sta intensificando l’attività di raccolta delle informazioni legate all’attività abusiva, che elude non solo gli obblighi legati agli indubbi ricavi economici ed il mancato rispetto delle prescrizioni inerenti il corretto smaltimento dei rifiuti speciali, ma presenta una indubbia concorrenza sleale verso i tanti artigiani che rispettano le normative in vigore.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 January - 17:31

Il rifugio Boz rientra all’interno del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, a 1718 metri di quota, nel gruppo montuoso del Cimonega, tra le Vette Feltrine. Le ultime domande potranno essere inviate entro il 23 gennaio 2021. Ecco tutte le informazioni

21 January - 12:54

“Chiediamo un intervento rapido da parte dei politici, affinché lo scialpinismo venga ammesso come sport individuale sulle piste, senza che gli sportivi debbano temere sanzioni e che gli impiantisti siano ritenuti responsabili di eventuali infortuni”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato