Contenuto sponsorizzato

Ha un malore in strada, la Busa piange Paolo Gazzini

Un passante ha assistito alla scena e così ha lanciato l'allarme. Tempestivo l'arrivo dei soccorsi, che però nonostante i tentativi di rianimazione non hanno potuto far nulla. Molto conosciuto in zona, soprattutto per la sua passione musicale

Pubblicato il - 04 novembre 2019 - 10:18

RIVA DEL GARDA. E' morto a 63 anni Paolo Gazzini, fatale un malore sabato 2 novembre in via Pola nel rione Degasperi a Riva del Garda.

 

Dopo aver fatto la spesa al supermercato, Gazzini si è messo alla guida dell'auto, quando ha iniziato a sentirsi male.

 

Il 63enne ha accostato, è sceso dal veicolo e quindi ha preso il cellulare per chiedere aiuto, ma non ha fatto in tempo, si è accasciato a suolo.

 

Un passante ha assistito alla scena e così ha lanciato l'allarme. Tempestivo l'arrivo dei soccorsi, che però nonostante i tentativi di rianimazione non hanno potuto far nulla. 

 

Storico titolare con i genitori Aldo (Gran Bretagna) e Bianca Farina del bar Piemonte in viale Dante a Riva del Garda, Gazzini era molto noto e conosciuto in zona, in particolare nell'ambiente musicale, sua grande passione.

 

Molto noto in zona, aveva aperto con Claudio Oberti nel 1988 il negozio "Gun club" in via Lipella prima e poi in galleria S. Francesco dopo la cessione dell'attività di famiglia. Un'esperienza poi conclusa dopo l'imporsi dei Cd e della musica commerciale.

 

Il 63enne Gazzini era dipendente del Comune di Riva del Garda in biblioteca, impegnato come archivista dopo l'esperienza in quel di Arco a palazzo Panni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

L'ex rettore ha analizzato i dati contenuti negli indicatori dei report settimanali dell'Iss e ha scoperto che nella settimana conclusa lo scorso 10 gennaio, su 1471 "nuovi" contagi segnalati in Trentino, solo 624 si riferivano alla settimana considerata e ben 847 erano casi arretrati segnalati con grande ritardo. In questo modo verificando molto tardi gli antigenici con i molecolari, se risultano negativi spariscono dalle statistiche se risultano positivi non entrano nel conteggio della settimana corrente perché classificati "arretrati"

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato