Contenuto sponsorizzato

Ha un malore in strada, la Busa piange Paolo Gazzini

Un passante ha assistito alla scena e così ha lanciato l'allarme. Tempestivo l'arrivo dei soccorsi, che però nonostante i tentativi di rianimazione non hanno potuto far nulla. Molto conosciuto in zona, soprattutto per la sua passione musicale

Pubblicato il - 04 novembre 2019 - 10:18

RIVA DEL GARDA. E' morto a 63 anni Paolo Gazzini, fatale un malore sabato 2 novembre in via Pola nel rione Degasperi a Riva del Garda.

 

Dopo aver fatto la spesa al supermercato, Gazzini si è messo alla guida dell'auto, quando ha iniziato a sentirsi male.

 

Il 63enne ha accostato, è sceso dal veicolo e quindi ha preso il cellulare per chiedere aiuto, ma non ha fatto in tempo, si è accasciato a suolo.

 

Un passante ha assistito alla scena e così ha lanciato l'allarme. Tempestivo l'arrivo dei soccorsi, che però nonostante i tentativi di rianimazione non hanno potuto far nulla. 

 

Storico titolare con i genitori Aldo (Gran Bretagna) e Bianca Farina del bar Piemonte in viale Dante a Riva del Garda, Gazzini era molto noto e conosciuto in zona, in particolare nell'ambiente musicale, sua grande passione.

 

Molto noto in zona, aveva aperto con Claudio Oberti nel 1988 il negozio "Gun club" in via Lipella prima e poi in galleria S. Francesco dopo la cessione dell'attività di famiglia. Un'esperienza poi conclusa dopo l'imporsi dei Cd e della musica commerciale.

 

Il 63enne Gazzini era dipendente del Comune di Riva del Garda in biblioteca, impegnato come archivista dopo l'esperienza in quel di Arco a palazzo Panni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:44

L'approfondimento tecnico si è concluso, forse proprio quando è arrivato anche il ricorso del Codacons. L'associazione per la difesa dell'ambiente e tutela dei diritti di utenti e consumatori ha presentato al Tar di Trento, tramite l'avvocato Zero Perinelli, un ricorso contro la norma provinciale. La Pat: "Evitare disparità di trattamento tra gli esercizi commerciali"

29 settembre - 13:50

Bocciato uno dei provvedimenti bandiera della Giunta Fugatti, il tribunale condanna Pat e Comune di Trento a disapplicare la norma sulle case Itea. Gli avvocati: “Per il Trentino è un primo passo molto importante per rimuovere le norme introdotte dalla Provincia negli ultimi anni in materia di welfare che hanno determinato effetti gravissimi di esclusione in danno degli stranieri”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato