Contenuto sponsorizzato

“I consiglieri di maggioranza passano il tempo alla buvette” quattro leghisti querelano Marini

Mara Dalzocchio, Devid Moranduzzo, Katia Rossato e Gianluca Cavada hanno presentato un esposto in procura per diffamazione nei confronti di Alex Marini. La replica del pentastellato: "Informato contemporaneamente ai giornali, questo la dice lunga sull'uso strumentale di questa querela"

Pubblicato il - 08 novembre 2019 - 10:01

TRENTO. L’episodio in questione risale agli inizi di luglio di quest’anno quando, in occasione della presentazione di un documento sottoscritto da tutte le minoranze riguardante il funzionamento del Consiglio e la gestione dei lavori da parte del presidente Walter Kaswalder, il consigliere del Movimento 5 Stelle, Alex Marini, aveva duramente attaccato la maggioranza.

 

“I consiglieri di maggioranza passano gran parte del tempo alla buvette del Consiglio provinciale a consumare anche sostanze alcoliche” attaccava Marini che poi rincarava la dose: “Il Consiglio provinciale viene usato come strumento di propaganda per promuovere le politiche della Giunta. Lo conferma la presenza dei consiglieri di maggioranza che sono, per la maggior parte del tempo, alla buvette a consumare sostanza anche alcoliche”.

 

A far scatenare il consigliere pentastellato erano stati i modi di Kaswalder accusato di aver trasformato il consiglio provinciale in “strumento di propaganda per promuovere le politiche della Giunta”, ma anche di non aver prestato le dovute attenzioni nei confronti di alcuni documenti ispettivi e di indirizzo presentati dalle minoranze.

 

La maggioranza però è passata al contrattacco e tramite i consiglieri Mara Dalzocchio, Devid Moranduzzo, Katia Rossato e Gianluca Cavada, ha querelato per diffamazione l’esponente del Movimento 5 Stelle. Nei giorni scorsi infatti, la procura ha notificato il provvedimento a Marini che adesso avrà tre settimane di tempo per valutare il da farsi, presentando una memoria difensiva oppure facendosi ascoltare dal pubblico ministero, dopodiché si deciderà se proseguire o meno con il procedimento. Da parte sua Marini si dice tranquillo ma sottolinea il fatto di essere stato informato contemporaneamente ai giornali "questo la dice lunga sull'uso strumentale di questa querela". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

21 novembre - 19:46

Per colpa del maltempo una frana si è abbattuta sulla strada che collega le frazioni di Zoldo Alto e Forno di Zoldo (dove si trova la scuola). Per questo i bambini sono stati coinvolti in una singolare avventura: aggirare la colata di fango sopra una passerella sul torrente Maé

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato