Contenuto sponsorizzato

Incendio alle acciaierie, una colonna di fumo si leva nei cieli della Valsugana

L'allarme è scattato poco prima delle 14. Le fiamme nel parco rottami. Il tempestivo intervento dei pompieri ha permesso di limitare i danni. Fortunatamente non ci sono feriti e non ci sarebbe rischi legati all'ambiente

Pubblicato il - 08 febbraio 2019 - 15:55

BORGO. I vigili del fuoco di Borgo sono intervenuti alle acciaierie per un incendio di materiale ferroso.

 

L'allarme è scattato poco prima delle 14, quando alcuni operai hanno segnalato una colonna di fumo levarsi da alcuni rottami in un capannone esterno e separato dall'area industriale.

 

Alcune segnalazioni sono arrivate alla Centrale unica di emergenza anche dai cittadini, allarmati dal fumo, molto ben visibile da buona parte della Valsugana.

 

L'incendio si è sviluppato nel parco rottami e sul posto si sono subito portati i vigili del fuoco di zona.

 

I pompieri hanno subito isolato e messo in sicurezza l'area per avviare le operazioni di spegnimento, mediante anche il ricorso all'autogru, visto anche il calore emanato dal materiale incendiato.

 

Il tempestivo intervento dei soccorsi ha permesso di arrestare quasi subito il propagarsi delle fiamme e quindi di limitare i danni all'intero edificio.

 

I pompieri sono ancora operativi per abbassare la temperatura dei rottami e bonificare il parco dal materiale incendiato. 

 

Fortunatamente non ci sono feriti o intossicati. Non ci sarebbero inoltre pericoli e rischi ambientali legati all'incendio e l'eventuale propagarsi di sostanze inquinanti, commenta inoltre Enrico Galvan, vice sindaco reggente di Borgo, informato in tempo reale sulla situazione alle acciaierie.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 10:12

I Finanzieri hanno posto i sigilli a oltre 230 mila euro sui vari conti bancari dell’associazione e del suo rappresentante legale, un sessantaseienne trentino, nonché la villa e annesso garage, di proprietà di quest’ultimo, per una quota del valore di circa 310 mila euro

25 aprile - 06:01

C’è un punto a mio giudizio su cui va costruito e tenuto saldo il discorso antifascista: la scelta. E non deve stupire l'uso strumentale di Matteo Salvini ed il conseguente disconoscimento del valore della celebrazione dell’anniversario della Liberazione

 

25 aprile - 09:04

L'uomo aveva lasciato la figlia di 10 anni in auto mentre lui si era allontanato per fare volantinaggio. Dopo essere tornato si è accorto che il mezzo e la figlia erano spariti ed ha subito chiesto aiuto alle forze dell'ordine facendo scattare un’imponente caccia all’uomo. Ma poi si è accorto di essersi sbagliato

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato