Contenuto sponsorizzato

Le fiamme avvolgono una sauna vicino a delle baite per le vacanze. Notte di lavoro per i pompieri di Centa San Nicolò

L'intervento è avvenuto intorno alle 23.15 e si è protratto per circa due ore per evitare che l'incendio si propagasse al bosco

Pubblicato il - 26 December 2019 - 12:01

CENTA SAN NICOLO'. Il timore era che le fiamme si diffondessero al bosco, visto il vento e la vicinanza degli alberi. Ma per fortuna (e soprattutto per la bravura dei vigili del fuoco) l'incendio è stato prima contenuto e poi domato e tutto si è risolto per il meglio.  

 

L'allarme è scattato intorno alle 23.10 in località Tiecheri nel comune di Centa San Nicolò che si trova a quota 1.000 metri sull'Altopiano della Vigolana. Vicino a tre baite che vengono utilizzate per le vacanze si trovava una piccola sauna. Un edificio a parte, una piccola casetta rimessa a nuovo per il bagno a vapore.

 


 

Qualcosa, però, è andato storto e in breve si è propagato un incendio che è andato ad attecchire su tutta la struttura e in particolare sul tetto. Subito sono stati chiamati i vigili del fuoco di Centa San Nicolò che si sono recati sul posto con 15 pompieri, un'autobotte e due fuoristrada, una dotata anche di carrello per incendi boschivi.

 

Il timore, infatti, era quello che il vento potesse spingere le fiamme verso gli alberi situati a pochi metri di distanza. Fortunatamente l'intervento dei soccorsi è stato pronto ed efficace. I pompieri hanno isolato l'incendio, spento le fiamme e perlustrato anche il bosco per verificare se vi fosse qualche piccolo focolaio. Tutto si è risolto per il meglio e nessuno è rimasto intossicato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 January - 12:04

Dopo gli incidenti degli scorsi giorni ancora una slavina in quota con coinvolto un escursionista

19 January - 11:22

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione negli ospedali. Oltre 7 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 526 le vittime nella seconda ondata 

19 January - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato