Contenuto sponsorizzato

Maltempo, un acquazzone improvviso fa scoppiare la tubazione. Vigili del fuoco in azione

E' successo a Villa Lagarina e sul posto si sono portati i vigili del fuoco la polizia e i tecnici gestione strade della Provincia

Pubblicato il - 02 luglio 2019 - 09:45

VILLA LAGARINA. Gli acquazzoni improvvisi che ieri sera hanno interessato alcune zone del Trentino hanno, in alcuni casi, creato non pochi problemi.

 

A Villa Lagarina, il deflusso di un grosso quantitativo d'acqua dopo il temporale ha causato il sollevamento di una tubazione sotterranea per lo scorrimento delle acque piovane con conseguente danneggiamento della sede stradale rendendola impraticabile.

 

L'allarme è stato dato in serata e sul posto oltre al nostro corpo dei vigili del fuoco di Villa Lagarina è intervenuta anche la Polizia di Stato del commissariato di Rovereto e la gestione strade della Provincia.

 

Il tratto di strada interessato è quello che si trova in prossimità del sottopassaggio di via degli alpini accanto alla rotonda dell'autostrada. L'intervento dei tecnici ha permesso il ripristino della sede stradale e la messa in sicurezza della zona.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 05:01

Una famiglia si trova da martedì scorso tutta a casa in attesa dell'esito del tampone della figlia che da scuola, lunedì, era tornata con il raffreddore. E se ancora non è arrivata l'influenza e i primi raffreddori e mal di gola stanno arrivando proprio in questi giorni cosa succederà con il peggiorare della situazione? Sono sufficienti i tamponi a tenere sotto controllo la situazione?

29 settembre - 08:22

Da Parigi a Madrid l'ondata di virus non si ferma. In Germania è stato individuato un nuovo focolaio dopo una festa in famiglia fatta in un appartamento 

28 settembre - 18:59

Secondo l'Fp Cgil, dal 2013 sarebbero 102 i divulgatori (10 nell'ultimo mese) che hanno abbandonato il principale museo trentino per condizioni di lavoro inaccettabili. Orari non rispettati, contratti peggiorativi, competenze non riconosciute, alcune delle questioni al centro delle rivendicazioni di un settore in stato d'agitazione da ormai un anno

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato