Contenuto sponsorizzato

Maxi-rissa fuori da un locale sedata a fatica dai carabinieri. Denunciate 10 persone

E' successo a Vipiteno, dove a seguito di una segnalazione sono dovute intervenire ben tre volanti di carabinieri per sedare una maxi-rissa scaturita da futili motivi. A fatica i militari sono riusciti a separare i contendenti, tutti denunciati per il reato di rissa aggravata

Pubblicato il - 19 novembre 2019 - 15:59

VIPITENO. “Se le stanno dando di santa ragione”. È stato questo l'allarme lanciato fuori da un locale notturno della zona di Vipiteno nello scorso fine settimana, a cui i carabinieri del centro dell'Alta Val d'Isarco, coadiuvati dai colleghi di Campo di Trens e del Brennero, hanno risposto con tempestivo intervento.

 

Il litigio, scaturito in una rissa comprendente una decina di persone, è stato fermato a fatica dai militari accorsi sul posto per impedire che degenerasse in qualcosa di più. Successivamente tutti i partecipanti sono stati soccorsi dal personale sanitario, sopraggiunto anch'esso sul luogo della zuffa, per alcune ecchimosi con tumefazioni e lievi ferite, tutte guaribili fra i 2 e i 10 giorni di prognosi.

 

A conclusione del fatto i 10 sono stati quindi identificati – 2 cittadini macedoni di 21 e 40 anni, un cittadino polacco di 21 e 4 cittadini italiani del posto di 20, 21, 23 e 25 anni – e denunciati per rissa aggravata. La lite sarebbe scaturita per futili motivi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 17:53

Sono stati analizzati 3.403 tamponi, 179 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 5,3%. Il bilancio è di 201 morti in questa seconda ondata

25 novembre - 17:28

Il Pibe de Oro si è spento mercoledì 25 novembre a 60 anni a causa di un arresto cardiorespiratorio

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato