Contenuto sponsorizzato

Muore in montagna davanti agli amici, la vittima è Giovanni Trolla, ex assessore nel comune di Lardaro

Una personalità molto nota in zona, il 68enne era stato anche assessore alle foreste nel comune di Lardaro, prima che confluisse in quello di Sella Giudicarie. Un intervento della macchina dei soccorsi complicato dalla nebbia e dalla mancata copertura dei cellulari in quota

Pubblicato il - 30 settembre 2019 - 09:44

SELLA GIUDICARIE. E' Giovanni Battista Trolla la vittima in val Breguzzo. E' stato colpito da un malore mentre ieri, domenica 29 settembre, insieme agli amici si trovava a quota 2.800 metri tra La Uzza e passo Frate.

 

Una personalità molto nota in zona, il 68enne era stato anche assessore alle foreste nel comune di Lardaro, prima che confluisse in quello di Sella Giudicarie. Dopo aver lavorato nel corpo forestale in Liguria e nel bresciano, Trolla era in pensione. Una figura molto attiva e fino a poco tempo fa faceva parte del coro Azzurro di strada a Pieve di Bono, mentre in precedenza aveva cantato per il coro cima Ucia di Roncone. Un cordoglio enorme in valle, lascia la moglie Emilia e il figlio Filippo.

 

Il malore è avvenuto intorno a mezzogiorno, quando Trolla si è sentito improvvisamente male e si è accasciato al suolo. Un intervento particolarmente complicato per la scarsa copertura dei cellulari, ma anche per la nebbia sulla zona. 

 

Un gruppo della comitiva è dovuto scendere rapidamente a valle per riuscire a lanciare l'allarme e così è entrato in azione il soccorso alpino. 

 

Il coordinatore del soccorso alpino ha poi attivato l'elicottero, che però non è riuscito a portarsi in quota a causa della fitta nebbia in zona.

 

Nel frattempo si sono mobilitate anche le squadre di terra, una ventina di unità tra gli operatori delle stazioni di valle del Chiese, val Rendena, Tione, Giudicarie Esteriori e San Lorenzo in Banale

 

I soccorritori hanno raggiunto il luogo del malore e non hanno, purtroppo, potuto far altro che constatare il decesso di Trolla. Una volta ottenuto il nulla osta delle autorità, le unità di soccorso alpino hanno trasportato la salma con la barella portantina fino a quando una finestra di bel tempo ha permesso all’elicottero di intervenire per trasferire la salma a Bondo.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
24 giugno - 18:46
Fra i quattro nuovi casi due riguardano persone comprese nella fascia fra i 60 ed i 69 anni. Il rapporto contagi tamponi si attesta allo 0,26%
Politica
24 giugno - 19:27
Per discutere del tema dei grandi carnivori Fugatti si è recato a Roma, al Ministero dell’Interno. L’Oipa: “Senz’altro anche la ministra [...]
Cronaca
24 giugno - 16:15
Il match di ieri sera tra Germania e Ungheria è finito in pareggio sul 2 a 2: per festeggiare il suo goal Goretzka ha esultato facendo il gesto [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato