Contenuto sponsorizzato

''Oltre 800 comparse e 10.000 spettatori'': il torneo medievale di Kaltenberg compie 40 anni. Ecco la sua storia

L'evento si tiene vicino a Monaco negli ultimi tre fine settimana di luglio. Nacque con l'inaugurazione del ristornate del castello, per volontà del principe Luitpold

Foto 2019 Ritterturnier Kaltenberg
Pubblicato il - 24 giugno 2019 - 16:52

MONACO. Un vero e proprio centro medievale a poco più di 300 chilometri da Trento. Torna l'appuntamento più amato (anche da diversi trentini che si spostano per l'occasione) dell'estate bavarese. Si tratta del torneo medievale ospitato dal castello di Kaltenberg (il Kaltenberger Ritterturnier, qui), un evento che quest'anno spegne 40 candeline.

 

Una festa medievale ("La più grande al mondo" dicono gli organizzatori) che attira ogni anno migliaia di spettatori con la sua spettacolarità e la precisione della ricostruzione storica. Artigiani in costume che vendono la loro merce sui banchi del mercato medievale, buffoni, giocolieri, suonatori di cornamuse, un vero e proprio accampamento medievale: sono solo alcune delle attrazioni che fanno da contorno all'evento principale che si tiene alla fine di ogni giornata, il torneo. Un live show che viene inscenato, nell'arena principale, come un film d'azione con stunt, battaglie e rappresentazioni d'arte equestre.

 

L'appuntamento al castello di Kaltenberg (vicino a Monaco di Baviera) è per gli ultimi tre fine settimana di luglio (dal venerdì alla domenica, dal 12 al 14 luglio, dal 19 al 21 e dal 26 al 28 luglio).

 

Nell'area del castello trovano spazio banchi di artigiani che fanno rivivere antichi mestieri (tra cui il fabbro e il sellaio). Sulla via principale del mercato, in mezzo
all'andirivieni di visitatori e comparse, si incontrano giocolieri come il mago del cristallo (che fa "volare" una sfera di cristallo tra le dita e sulle braccia) e, poco più lontano, uno spaccio con la birra scura della casa König Ludwig. Anche gli amanti dell'aspetto gastronomico vengono accontentati con spezzatini di cervo, carne all'aglio orsino o panini agli straccetti di carne di manzo. 

 

La giornata trascorre poi tra scenette umoristiche di buffoni e falsi avvocati, con la "misura" sulla bilancia delle streghe, con la musica di band medievali, duelli tra cavalieri e corsi della scuola per paggi.

 

 

Più di 800 sono le comparse impegnate a ricostruire quest'ambientazione medievale. Oltre due ore durano invece i combattimenti e le prodezze nell'arena del castello a cui ogni anno assistono oltre 10.000 spettatori.

 

La tradizione del torneo è nata dalla volontà del principe Luitpold, che se la Baviera fosse ancora una monarchia sarebbe re: 40 anni fa decise di organizzare una festa d'inaugurazione per il nuovo ristorante al castello di Kaltenberg. Con un'unica differenza: invece di festeggiare a suon di banda, come tipico in Baviera, il principe Luitpold ingaggiò un gruppo di cavallerizzi dall'Inghilterra fece loro mettere in scena un combattimento d'altri tempi.

 

Un evento a cui accorsero migliaia di curiosi e appassionati di tornei medievali, una presenza che fece passare in secondo piano l'apertura del ristorante. Era l'inizio di una tradizione che proprio quest'anno compie 40 anni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.34 del 19 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 19:36

Tra i principali indiziati ci sono i cambiamenti climatici, in particolare il caldo di fine giugno che ha sicuramente influito negativamente sul raccolto di quest’anno. Ma secondo i 1400 olivicoltori del Garda Trentino “Condizioni simili non si sono mai verificate in precedenza”

21 ottobre - 19:11

Menù indubbiamente affascinante, complesso nel suo rigore, meditato, tecnicamente evoluto, ma per nulla complicato. Studiato con il carisma indiscutibile di un "maestro dei fornelli" oltre che persona colta. Affermazione non casuale: Alfio Ghezzi "vede" oltre il cibo, entra nella cultura più coinvolgente, quella con la "C" maiuscola

21 ottobre - 16:08

La richiesta arriva dalle associazioni ambientaliste (e non solo) praticamente al termine del primo anno di attività. Un anno che si è caratterizzato per le associazioni per ''una incredibile serie di dichiarazioni ed azioni che poco o nulla hanno a che fare con la tutela ambientale. Dichiarazioni e azioni che vanno anzi nella direzione contraria, con un ulteriore sfruttamento economico dell’ambiente e della natura''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato