Contenuto sponsorizzato

Paura al Rifugio Bindesi, qualcuno ha manomesso l'impianto Gpl. E' la terza volta da gennaio

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Villazzano, i permanenti con il funzionario di turno e la polizia scientifica. E' la terza volta che accade da gennaio 

Pubblicato il - 26 maggio 2019 - 11:15

TRENTO. E' scattato l'allarme questa mattina al Rifugio Bindesi a causa di una fuga di gas. La richiesta di intervento è arrivata attorno alle 10 e sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco di Villazzano e i permanenti di Trento con il funzionario di turno.

 

Qualcuno, probabilmente nel corso della notte, ha manomesso l'impianto interrato di Gpl che si trova dietro il rifugio, staccando il tubo di collegamento e facendo fuoriuscire il gas. Una situazione molto pericolosa per il rischio di esplosione.

 

A sentire l'odore del gas sono state alcune persone che si trovavano nelle vicinanze e che hanno avvisato immediatamente i proprietari che, raggiunto il rifugio, hanno subito lanciato l'allarme.

 

I vigili del fuoco sono intervenuti per la messa in sicurezza dell'area e per isolare la perdita. Non è però la prima volta che accade una manomissione del genere. Da gennaio altre due volte il rifugio Bindesi è stato vittima di atti simili.

 

Per questo sul posto si sono portati anche gli uomini della polizia scientifica per i rilievi e avviare le indagini per riuscire a risalire all'autore delle continue manomissioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 06:01

Il consigliere pentastellato punta il dito contro la possibile privatizzazione del corpo volontari: “Dopo 9 mesi di proclami siamo a un nulla di fatto, non solo hanno scritto e votato un provvedimento inapplicabile ma ora c’è anche chi vorrebbe trasformarli in un’associazione privata”

21 settembre - 18:00

E' successo questa mattina a Strigno. Dino stava portando fuori l'immondizia quando ha sentito il cucciolo piangere. Portato a casa, in poche ora è stato adottato

21 settembre - 19:10

L'uomo ha estratto la pistola quando l'agente gli ha chiesto i documenti e allora a sua volta il poliziotto ha dovuto prendere l'arma e ordinargli di arrendersi. Arrestato un secondo uomo che aveva già rivenduto i gioielli della rapina per 400 euro a un compro oro

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato