Contenuto sponsorizzato

Paura al Rifugio Bindesi, qualcuno ha manomesso l'impianto Gpl. E' la terza volta da gennaio

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Villazzano, i permanenti con il funzionario di turno e la polizia scientifica. E' la terza volta che accade da gennaio 

Pubblicato il - 26 maggio 2019 - 11:15

TRENTO. E' scattato l'allarme questa mattina al Rifugio Bindesi a causa di una fuga di gas. La richiesta di intervento è arrivata attorno alle 10 e sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco di Villazzano e i permanenti di Trento con il funzionario di turno.

 

Qualcuno, probabilmente nel corso della notte, ha manomesso l'impianto interrato di Gpl che si trova dietro il rifugio, staccando il tubo di collegamento e facendo fuoriuscire il gas. Una situazione molto pericolosa per il rischio di esplosione.

 

A sentire l'odore del gas sono state alcune persone che si trovavano nelle vicinanze e che hanno avvisato immediatamente i proprietari che, raggiunto il rifugio, hanno subito lanciato l'allarme.

 

I vigili del fuoco sono intervenuti per la messa in sicurezza dell'area e per isolare la perdita. Non è però la prima volta che accade una manomissione del genere. Da gennaio altre due volte il rifugio Bindesi è stato vittima di atti simili.

 

Per questo sul posto si sono portati anche gli uomini della polizia scientifica per i rilievi e avviare le indagini per riuscire a risalire all'autore delle continue manomissioni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 18:15

Il rapporto contagi/tamponi si attesta a 2,55%. Sono 15 i pazienti, 1 persona in più rispetto a ieri,ricoverati in ospedale, nessuno si trova in terapia intensiva. Il totale è di 6.662 casi e 471 decessi da inizio epidemia Covid-19

01 ottobre - 15:44

Oltre ai dettagli, riferiti dallo stesso medico veterinario ai militari del Cites, su come M49 abbia più volte tentato di scagliarsi contro la recinzione, M57 ripeta dei movimenti ritmati, Dj3 non si nutra per paura degli altri due esemplari, ecco cosa hanno riportato i carabinieri nella loro relazione: ''Si è ritenuto necessario ricorrere alla somministrazione quotidiana di integratore a base di acido gamma amminobutirrico, con effetto inibitorio del sistema nervoso centrale, per prevenire e controllare lo stato di stress di M49 (..) e M57''

01 ottobre - 17:31

Nel fine settimana è allerta arancione su tutto il territorio provinciale: sono attesi violenti nubifragi che porteranno con loro notevoli criticità. La protezione civile non esclude possano verificarsi smottamenti, allagamenti, frane e colate di fango: “Non avvicinatevi ai corsi d’acqua”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato