Contenuto sponsorizzato

Resti umani nel bosco sopra Cortina, la macabra scoperta grazie a un escursionista di passaggio

Il ritrovamento è avvenuto a 2700 metri di quota, in località Costabella, sul Monte Cristallo. Sul posto sono intervenuti soccorso alpino e carabinieri che hanno recuperato e repertato le ossa. Ora si attendono gli esami per stabilire la data della morte  

Di Tiziano Grottolo - 07 ottobre 2019 - 12:02

CORTINA D’AMPEZZO. Stava passeggiando tranquillamente nei boschi sopra Cortina quando ha notato delle ossa che spuntavano dal terreno. È questa la scoperta effettuata da un escursionista nel pomeriggio di ieri mentre si trovava in gita sul monte Cristallo, vetta che fa parte delle Dolomiti Ampezzane.

 

Il ritrovamento è avvenuto in località Costabella a circa 2700 metri di quota. L’uomo ha immediatamente contattato la locale stazione dei Carabinieri che si sono subito attivati.

 

Grazie alle indicazioni fornite all’escursionista i militari dell’arma di Cortina e il personale del soccorso alpino sono riusciti rapidamente a rintracciare il luogo dove sono trovati i resti umani.

In poco tempo dal terreno sono emerse altre ossa che sono state etichettate e repertate per poi essere sistemate in appositi contenitori.

 

La montagna ha restituito in tutto: un cranio, una mandibola, due femori, cinque vertebre, dieci costole e un bacino probabilmente appartenenti ad un’unica persona.

 

Stando alle prime informazioni e a precedenti ritrovamenti dovrebbe trattarsi di resti appartenenti a un soldato della Prima Guerra Mondiale. Nelle stesse zone di montagna infatti alla fine di agosto di quest’anno erano stati rinvenuti i corpi di 8 soldati. In particolare nei dintorni di Seren del Grappa era stata rinvenuta una fossa comune dove erano stati seppelliti in tutta fretta 7 soldati austroungarici (QUI articolo).

In questo caso non è ancora stato possibile attribuire un nome e un’uniforme ai resti recuperati, ma proprio per questo sono stati disposti alcuni esami specifici per cercare di ottenere una datazione certa e magari persino l’identità della persona.

 

Anche se, come dicevamo, con ogni probabilità si tratta di un soldato della Grande Guerra caduto in seguito ai violenti scontri combattuti proprio su queste montagne.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 14 ottobre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 ottobre - 19:05

La procura ha avviato un'indagine per contestare la carenza di documentazione contabile e la destinazione delle spese. In pratica non verrebbero distinte le risorse utilizzate per attività istituzionali e che sono ammesse da quelle commerciali per le quali la legge non permette di utilizzare fondi di derivazione pubblica

15 ottobre - 14:06

Gli sportivi turchi che sostengono l’invasione e il governo di Ankara festeggiano i propri risultati con il saluto militare ma, nonostante le minacce, si levano anche alcune voci critiche.  Nel frattempo la squadra tedesca del St. Pauli licenzia un giocatore che aveva espresso il suo sostegno a Erdoğan "valori in contrasto con quelli del club"

15 ottobre - 17:23

L'indagine è partita dopo i ripetuti episodi di avvelenamento di animali domestici e selvatici, registrati negli ultimi mesi in Vallagarina. L’operazione, che ha consentito anche una bonifica del territorio e la ricerca di esche mediante il ricorso a cani specificamente addestrati

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato