Contenuto sponsorizzato

"Salvare l'esperienza associativa del Centro sociale'', lo chiede la Circoscrizione Centro Storico Piedicastello. Intanto al Bruno è stata aperta un'aula studio

La richiesta è stata inserita della priorità di bilancio mercoledì sera con il voto favorevole della maggioranza, di Sinistra Italiana e l'astensione di Agire. Assente la Lega. Da lunedì al Centro sociale Bruno è stata aperta l'aula studio Tekoser, per gli studenti universitari ma non solo, con wi-fi, frigorifero, fornetto microonde e macchinetta del caffè

Di Giuseppe Fin - 14 giugno 2019 - 06:01

TRENTO. “Salvaguardare l'esperienza associativa del Centro Sociale Bruno” questa la richiesta che la circoscrizione Centro Storico Piedicastello ha deciso di inserire tra le priorità di bilancio che ora saranno inviate al Comune. La proposta è arrivata dal consigliere di minoranza, Jacopo Zannini di Sinistra Italiana, ed è stata discussa, assieme alle tante altre proposte, nel corso della seduta di mercoledì scorso.

 

“E' importante – ha spiegato Zannini – salvaguardare questo spazio perché è un polmone associativo della nostra comunità e tantissimi soggetti ne fanno parte”. Sul futuro del Centro sociale si sta discutendo molto in queste settimane visto che l'8 giugno è arrivato a scadenza il contratto di comodato d'uso gratuito tra Patrimonio del Trentino e l'associazione Commons (contratto che prevedeva il pagamento delle bollette). (QUI L'ARTICOLO)

 

“Come tutte le altre richieste che sono arrivate – ha spiegato il presidente della circoscrizione Claudio Geat – è stata discussa e alla fine votata. Ha ottenuto 9 voti favorevoli della maggioranza e di Sinistra italiana e un astenuto di Agire. I componenti della Lega erano assenti”.

 

La richiesta quindi di salvaguardare l'esperienza associativa del centro sociale sarà ora nelle priorità di bilancio assieme, ha spiegato Geat, il valore di Casa Bonomelli.

 

“Sappiamo benissimo che l'edifico dove si trova il Bruno – ha spiegato il presidente – è della Provincia. Noi chiediamo, nel rispetto delle regole, che sia salvaguardata questa esperienza e questo vale in prospettiva anche per Casa Bonomelli e per il suo importantissimo lavoro che porta avanti per aiutare i poveri”.

 

Intanto, mentre si discute sul suo futuro, il Centro Sociale Bruno non si ferma rilanciando con nuove iniziative. Proprio nello stabile che si trova in via Lungadige San Nicolò 4, a partire da lunedì è stata aperta una vera e propria aula studio per gli studenti universitari e non solo.

 

Si chiama aula studio Tekoser, in ricordo di Lorenzo Orsetti, nome di battaglia "Tekoser", trentatrenne nato a Firenze che combatteva fianco a fianco con i curdi e morto il 18 marzo.

 

Si trova al primo piano dove è stata potenziata la luce oltre che dotata di wi-fi, un frigorifero, un fornetto microonde per chi vuole portarsi da casa il pranzo o la cena e una macchinetta del caffè. I posti a disposizione sono una trentina ma, nel caso serva, sono già stati allestiti altri spazi. L'aula è aperta tutti i giorni, ad esclusione del sabato. Dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19 mentre la domenica dalle 14 alle 24.

Tra gli altri eventi sono in programma già diverse presentazioni di libri. La prima si terrà mercoledì prossimo, alle 19, con Wolf Bukowski autore del libro “La buona educazione degli oppressi”. Da questa domenica, invece, prenderà il via il ciclo di cinema all'aperto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 luglio - 05:01

L’assestamento di bilancio presentato dalla giunta Fugatti non convince, Rossi: “Pura propaganda, se poi non si stanziano i fondi le grandi opere rimarranno solo sulla carta, gli unici cantieri che sono stati avviati sono collegati alle opere pensate nella scorso legislatura”. Per gli imprenditori le chiusure domenicali provocheranno la fuga dei consumatori verso Bolzano e il Veneto

13 luglio - 10:28

Bologna e Perugia comandano la classifica rispettivamente per “mega” e “grandi” atenei. Unitn prima fra le università di medie dimensioni. Per elaborare la classifica il Censis ha tenuto conto delle strutture disponibili, servizi erogati, borse di studio, livello di internazionalizzazione, comunicazione e occupabilità, ma anche della gestione del lockdown

13 luglio - 09:59

La donna si trovava al rifugio Scoiattolo quando le è entrato nell'orecchio un insetto. Sul posto è intervenuto il soccorso alpino 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato