Contenuto sponsorizzato

Si finge carabiniere e vende un cellulare. La vittima paga 300 euro e non riceve nulla

La vittima trentina alla fine ha sporto denuncia. L'uomo, un trentenne pugliese, è finito a processo ed è stato ora condannato

Pubblicato il - 15 marzo 2019 - 07:58

TRENTO. Si finge carabiniere e poi truffa un 40enne trentino vendendogli un iphone inesistente per poi scomparire. E' successo alla metà dello scorso anno e ora la vicenda è finita in Tribunale dove a sedere nel banco degli imputati è un uomo trentenne di Taranto finito condannato a due anni di reclusione e 60 euro di multa pesa sospesa.

 

La vicenda è iniziata perché la vittima cercava un nuovo cellulare e per acquistarlo ha iniziato a consultare alcuni siti internet. Ad un certo punto si è imbattuta nell'annuncio di un cellulare iPhone da circa 300 euro. Ha quindi chiamato il proprietario che si è presentato come carabiniere. Una qualifica che l'uomo ha confermato anche su WhatApp dove in foto veniva ritratto con la divisa.

 

Raggiunto l'accordo la vittima ha fatto il pagamento di circa 300 euro con una ricarica postepay. Dell'iPhone, però, non si è più saputo nulla e il finto carabiniere è scomparso. Da qui la denuncia e ora il truffatore è stato condannato.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 marzo - 20:12

Venerdì una serata aperta alla cittadinanza dedicata a ''Genere, educazione, pluralità'' e, nel pomeriggio, appuntamento con la Cgil in piazza Dante. Il 30 marzo tutti a Verona per il corteo di Non una di meno

21 marzo - 18:37
Le indagini partono poco più di due mesi fa, quando gli agenti pizzicano un veicolo di proprietà di un comune della Val Rendena e condotto da un dipendente di Tione mentre compie una violazione alla segnaletica stradale. Gli accertamenti però mettono in luce un quadro pesante per l'uomo tra truffa, peculato e falsa attestazione di servizio
21 marzo - 20:01

I due giovani si trovavano in un tratto di pista molto ripida.  Il Soccorso alpino gli ha fatto calzare le racchette da neve e sono stati accompagnati, con l'ausilio di una corda, a valle fino alla motoslitta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato