Contenuto sponsorizzato

Si finge carabiniere e vende un cellulare. La vittima paga 300 euro e non riceve nulla

La vittima trentina alla fine ha sporto denuncia. L'uomo, un trentenne pugliese, è finito a processo ed è stato ora condannato

Pubblicato il - 15 marzo 2019 - 07:58

TRENTO. Si finge carabiniere e poi truffa un 40enne trentino vendendogli un iphone inesistente per poi scomparire. E' successo alla metà dello scorso anno e ora la vicenda è finita in Tribunale dove a sedere nel banco degli imputati è un uomo trentenne di Taranto finito condannato a due anni di reclusione e 60 euro di multa pesa sospesa.

 

La vicenda è iniziata perché la vittima cercava un nuovo cellulare e per acquistarlo ha iniziato a consultare alcuni siti internet. Ad un certo punto si è imbattuta nell'annuncio di un cellulare iPhone da circa 300 euro. Ha quindi chiamato il proprietario che si è presentato come carabiniere. Una qualifica che l'uomo ha confermato anche su WhatApp dove in foto veniva ritratto con la divisa.

 

Raggiunto l'accordo la vittima ha fatto il pagamento di circa 300 euro con una ricarica postepay. Dell'iPhone, però, non si è più saputo nulla e il finto carabiniere è scomparso. Da qui la denuncia e ora il truffatore è stato condannato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 maggio - 06:01

La malattia di Lyme è la più diffusa. Secondo i dati dell'Apss nel 2017 i casi notificati sono stati 29. Rizzoli: "Le temperature più miti hanno fatto prolungare il periodo di attività durante il quale la zecca cerca un ospite di cui cibarsi"

22 maggio - 09:07

Ieri mattina alcuni automobilisti si sono accorti dell'auto cappottata. All'interno c'era il corpo senza vita di Sergio Dagnoli, 38 anni. Cameriere in un hotel di Riva del Garda 

21 maggio - 19:03

Mentre il profilo, subito dopo che l'articolo de ilDolomiti è stato pubblicato, è stato rimosso (e la Pat spiega che sono in corso verifiche) emergono altri screenshot sull'attività ''social'' del braccio destro dell'assessore provinciale allo sviluppo economico e al lavoro. Dopo le frasi sessiste e razziste ecco quella contro le parti sociali (con le quali il capo di gabinetto dovrebbe trattare)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato