Contenuto sponsorizzato

Tragedia in Val di Fassa, muore un jumper di 31 anni

Il jumper si è lanciato da Sass Pordoi con la tuta alare, ma qualcosa è andato storto e i sistemi non hanno funzionato. L'intervento in zona del passo Pordoi

Pubblicato il - 08 giugno 2019 - 16:40

CANAZEI. Drammatico incidente in Val di Fassa, dove un jumper di 31 anni ha perso la vita.

 

L'allarme è scattato poco prima delle 14, quando secondo le prime informazioni, è stata vista una tuta alare precipitare in zona del passo Pordoi.

 

Il jumper si è lanciato dalla cima Sass Pordoi con la tuta alare, ma qualcosa è andato storto e i sistemi non hanno funzionato: prima di aprire la vela è andato a sbattere contro le rocce.

 

A lanciare la richiesta di soccorso l'amica che si è lanciata poco prima e che non l'ha più visto arrivare.

 

Immediato l'intervento dei soccorsi, ambulanza, vigili del fuoco di Canazei, Soccorso alpino e forze dell'ordine.

 

In azione anche l'elicottero dell'Aiut alpin Dolomites per sorvolare l'area e cercare di localizzare il jumper. Dopo alcune rotazioni il velivolo è riuscito a individuare l'escursionista.

 

Nel frattempo il personale tecnico e l'equipe medica sono state fatte scendere sul posto.

 

Purtroppo, però, il personale sanitario non ha potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo, fatale l'impatto al suolo. 

 

La macchina dei soccorsi ha recuperato la salma per trasportarla al camera mortuaria di Canazei. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 settembre - 11:03

Dopo l'uscita piuttosto pesante del presidente della Lega trentina sull'Svp che si allea a Bolzano con il centrosinistra, il consigliere provinciale di Alto Adige Autonomia Carlo Vettori ha consegnato in Consiglio regionale un'interrogazione, beccandosi gli insulti di Alessandro Savoi. "Finché fa il giullare in Consiglio provinciale a Trento non c'è problema, ma non si metta il becco nelle questioni altoatesine"

30 settembre - 05:01

Ieri l'incontro in Quinta Commissione provinciale tra i rappresentanti del Consiglio del sistema educativo e il direttore del dipartimento prevenzione dell'Apss. Sul tavolo anche le questioni sollevate da il Dolomiti sui tempi che si allungano per sapere l'esito dei tamponi per gli studenti (e si traducono in lunghi isolamenti anche per i genitori) e i test antigenici. Ecco cosa è emerso

30 settembre - 10:00

L'amministrazione comunale ,in una nota, ha ricordato che la temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato