Contenuto sponsorizzato

Addio a Danilo Fontana ex presidente della Cassa rurale e dell’Us Lavis: “Stimata guida della nostra società”

Danilo Fontana, classe 1946, si è spento dopo una lunga malattia, lascia moglie e tre figli. Il ricordo dell’Us Lavis: “Tutto il direttivo, i tesserati e il popolo rossoblù si stringono alla famiglia Fontana per la perdita del caro Danilo”

Pubblicato il - 20 ottobre 2020 - 10:48

LAVIS. Danilo Fontana è sempre stato un punto di riferimento per il comune di Lavis e sicuramente durante la sua vita ha lasciato il segno, contribuendo a plasmare la sua comunità. Nato nel 1946, Fontana aveva fondato assieme all’amico e socio Mario Largher una ditta di pneumatici. Dopo aver dato vita alla Largher & Fontana, Danilo era stato eletto nel consiglio della Cassa rurale di Lavis.

 

Dopo alcuni anni ne diventò anche presidente e assieme ad altri fu tra i fautori della fusione con la Cassa rurale Albiano e Val di Cembra. Fontana è ricordato anche per essere stato presidente della polisportiva di Lavis (pallavolo e calcio) che oggi lo ricorda così: “Il presidente Marcello Rosa, tutto il direttivo, i tesserati e il popolo rossoblù si stringono alla famiglia Fontana per la perdita del caro Danilo, stimato presidente della nostra società”.

 

Fontana si è spento dopo una lunga malattia che lo aveva colpito negli ultimi anni della sua vita, lascia la moglie Fausta e i figli Andrea, Annalisa e Laura. I funerali si svolgeranno alle 15 di domani, 21 ottobre, al cimitero di Lavis.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato