Contenuto sponsorizzato

Aggrediti dall'orso nel bosco, feriti padre e figlio

E' successo questo pomeriggio. L'incontro lungo un sentiero del Monte Peller, in località Torosi. I due sono stati trasportati all'ospedale di Cles
(QUI L'AGGIORNAMENTO)

Foto Archivio
Pubblicato il - 22 giugno 2020 - 21:03

CLES. Sarebbero padre e figlio le due persone che nel tardo pomeriggio di oggi sono stati, secondo le primissime informazioni, aggrediti da un orso.

 

L'incontro con il plantigrado è avvenuto in un sentiero del Monte Peller, in località Torosi e sul posto si sono portati immediatamente i vigili del fuoco, la guardia forestale e altri soccorritori.

 

Sono diversi gli orsi trentini che negli ultimi mesi si sono fatti vedere e hanno fatto parlare di sé. Tra i più famosi c'è M49 che ora però si trova al Casteller dopo mesi di ricerche e di tentativi di cattura. Tra i più conosciuti c'è M63 che il 5 maggio ha reso famoso in tutto il mondo Calliano facendosi vedere mentre si calava da un balcone.

 

Nel mese di maggio, come di consueto, le segnalazioni relative agli orsi sono state numerose. In questo periodo dell’anno, infatti, in alcune zone sono visibili i primi gruppi familiari formati da femmine e piccoli dell’anno; inoltre, la stagione degli amori entra nel vivo e, in conseguenza di ciò, i gruppi familiari costituiti da femmine e prole dell’anno precedente si disgregano, e i cuccioloni iniziano a vivere in autonomia dalle madri. Sempre a causa del periodo degli amori, che tende a rendere più pericolosi per i conspecifici i maschi sessualmente maturi, non di rado gli orsi immaturi tendono, per evitare i maschi adulti, a frequentare ambienti marginali, entrando così più frequentemente in contatto con gli ambienti antropizzati.

 

Le due persone che sono state aggredite oggi sono state trasferite all'ospedale di Cles. Il giovane avrebbe riportato graffi di vari entità e dei morsi. Situazione più grave, ma non è in pericolo di vita, per il padre che è stato portato in ospedale con alcune fratture e altre ferite profonde. 

 

Queste le prime informazioni. Sono in corso le verifiche per ricostruire quello che è successo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 luglio - 10:26

Negli ultimi cinque giorni sono state ben 19 le persone trovate positive al test del coronavirus, numeri che costringono Bolzano a non abbassare la guardia. Nelle varie strutture ospedaliere altoatesine sono ricoverate 7 persone

12 luglio - 05:01

A livello giuridico ciò che si va ad impedire è l'azione ma non certo il pensiero fine a sé stesso. L'avvocato Nicola Canestrini: "E' sconfortante la stessa necessità che sia necessario che esistano sanzioni per punire il razzismo. Uno stato democratico dovrebbe avere nel suo Dna l'idea che il razzismo è una abominio che non merita nemmeno di essere pensata da persone civili"

11 luglio - 13:02

Le due sono state fermate dopo essere uscite dall'abitazione dell'anziana e messe agli arresti domiciliari 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato