Contenuto sponsorizzato

Calzedonia, anche lo stabilimento di Avio produrrà mascherine riconvertendo la sua produzione per sostenere le esigenze nazionali

La decisione è stata presa dal presidente del gruppo Sandro Veronesi che ha voluto adeguare la produzione di alcuni dei suoi stabilimenti per il confezionamento di mascherine, contando di produrre 10mila pezzi al giorno

Pubblicato il - 24 marzo 2020 - 18:12

AVIO. Le prime 5000 mascherine targate Calzedonia sono già state donate al comune di Verona. Infatti, su decisione del presidente Sandro Veronesi parte degli stabilimenti del gruppo tessile hanno riconvertito la produzione per adeguarsi alle esigenze nazionali, ovvero per il confezionamento delle mascherine e camici.

 

Tra gli stabilimenti che saranno riconvertiti c’è anche quello di Avio. Veronesi era stato tra i primi a chiudere i propri punti vendita, fin dall’inizio dell’emergenza si era preferito tutelare dipendenti e clienti.  

 

Le linee produttive riconvertite alla produzione di mascherine e camici ci sono, come anticipato quello di Avio, ma anche Gissi in provincia di Chieti e quelli situati in Croazia. Per arrivare a questo risultato il gruppo tessile ha acquistato anche dei nuovi macchinari per adeguare le produzioni, mentre le cucitrici sono state sistemate per la nuova produzione di camici e mascherine.

 

In questa prima fase Calzedonia conta di riuscire a produrre circa 10mila mascherine al giorno, mentre già nelle prossime settimane i numeri dovrebbero aumentare.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 18:52

Gli affari non girano nemmeno con le promozioni messe in campo con il "Black Friday" e tanti negozianti trentini si trovano in difficoltà. "Le persone hanno paura, non sono serene nel fare gli acquisti e questo sta avendo delle conseguenze disastrose su tutto il tessuto economico" ci dicono 

27 novembre - 19:40

Anche oggi, come quasi sempre negli ultimi giorni, si è verificato il sorpasso dei guariti rispetto ai nuovi contagiati trovati 

27 novembre - 18:46

Il presidente ha spiegato che, non domani, ma sabato 5 dicembre potrebbero tornare aperti i negozi e i centri con metratura superiore ai 240 metri quadri e sulle seconde case: ''A Natale dovrebbe essere tutta Italia zona gialla e quindi se la legge resta questa si potrà circolare tra le regioni''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato