Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, altri 11 morti in Alto Adige nelle ultime 24 ore. Sono 51 i nuovi contagi su 911 tamponi. Salgono a 213 i dipendenti dell'azienda sanitaria positivi

In totale sono 215 le morti legate al covid-19 in Alto Adige. Sono 3.125 attualmente i cittadini che si trovano in quarantena obbligatoria o in isolamento domiciliare

Foto da internet
Pubblicato il - 13 April 2020 - 12:26

BOLZANO. Sono 11 i morti legati al coronavirus in Alto Adige nelle ultime 24 ore. A riferirlo è l'azienda sanitaria altoatesina che, per quanto riguarda i contagiati, segna anche un incremento di 51 nuovi casi positivi sui 911 tamponi eseguiti ieri e il numero delle persone positive al test si attesta a 2.145.

 

A livello provinciale l’Azienda sanitaria ha effettuato finora complessivamente 24.157 tamponi su 12.044 persone.

 

E’ sceso a 30 il numero delle persone ricoverate nei reparti di terapia intensiva e continuano ad essere 8 pazienti ricoverati in reparti di terapia intensiva in cliniche in Austria e in Germania.

 

Per quanto riguarda i decessi ieri erano 204 mentre oggi sono 215. Sono quindi incrementati di 11. Sono 135 quelli avvenuti per Covid-19 negli ospedali mentre il numero dei decessi nelle case di riposo sino a questa mattina è di 80 persone.

 

Cala leggermente anche il numero delle persone, 3.125 attualmente, che si trovano in quarantena obbligatoria o in isolamento domiciliare.  Finora sono 7.910 i cittadini ai quali sono state imposte queste misure.

 

Gli operatori dell’Azienda sanitaria positivi al test del Coronavirus sono 213 (ieri erano 211). A questi si aggiungono 11 medici di medicina generale e 2 pediatri di libera scelta. 

 

Sono 374 le persone guarite dal Covid-19. A queste si aggiungono 163 persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate per due volte negative al test. Il numero complessivo dei guariti fra sicuri e sospetti si attesta a 537 (+48).

 

La comunicazione dell'Azienda sanitaria altoatesina

 

"Guariti", definizione discorde

A proposito del tema dei "guariti" l'Azienda sanitaria precisa che da ieri i "guariti" vengono suddivisi in due gruppi. Il primo gruppo riguarda le persone risultate per due volte negative dopo un test positivo, il secondo gruppo comprende persone che hanno avuto per due volte un test negativo dopo un primo test dall'esito non chiaro o incerto. Al Ministero della Salute a Roma saranno da oggi in poi comunicati esclusivamente i dati relativi al primo gruppo.

Dal punto di vista epidemiologico le persone con un test poco chiaro o incerto vengono trattate come casi positivi. Questo perché si tratta di pazienti venuti a contatto con il virus e per questo vengono posti in quarantena. Anche per loro vale la regola che richiede due test negativi consecutivi, per essere considerati "guariti" e poter lasciare la quarantena. Tecnicamente il Ministero della Salute considera però "guariti" solo le persone appartenenti al primo gruppo.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione dell'8 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
08 agosto - 20:07
Presente al Palazzo della Provincia la ministra per le disabilità in occasione della presentazione del progetto "Trentino per tutti" che [...]
Cronaca
08 agosto - 19:12
La Pat comunica che, in seguito al sopralluogo dei tecnici, anche gli ultimi 5 evacuati sono stati fatti rientrare a casa a Muncion (frazione di [...]
Politica
08 agosto - 18:50
Ugo Rossi si è dimesso da Azione: “Adesso trascorreranno la campagna elettorale ad accusarsi l’un altro su chi per primo abbia violato il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato