Contenuto sponsorizzato

Distrutta l'aiuola realizzata dai bambini, i cittadini: ''Vigliacchi e incivili''

E' successo nell'area verde delle scuole primarie di Aldeno. Distrutte le sagome colorate in legno e anche rovinati i sassi dipinti. L'atto vandalico è stato scoperto questa mattina 

Pubblicato il - 03 January 2020 - 16:59

ALDENO. Decapitate le sagome colorate in legno realizzate dai bambini ma anche distrutta l'aiuola e rovinati i sassi dipinti. E' un atto di vero e proprio vandalismo quello che ha colpito la scuola primaria di Aldeno questa mattina.

 

L’area verde che si trova davanti alla struttura scolastica era stata realizzata dai bambini della 2°A e 2°B durante lo scorso anno scolastico attraverso il progetto “La nostra aiuola”. Un percorso che aveva coinvolto non solo gli studenti ma anche insegnanti, famiglie e amministrazione comunale con l'impegno di rendere più bello e accogliente un pezzetto di paese nel rispetto dei beni comuni. 


Il 30 maggio scorso era stata inaugurata l'aiuola con la presenza della dirigente scolastica e del sindaco. Ora, però, tutto i lavoro fatto dai bambini è stato rovinato. 

 

Incivili e vigliacchi” questo il commento dei cittadini che si sono trovati davanti a questo atto incivile. “E' intollerabile che venga deturpato il patrimonio pubblico e non siano rispettate le regole della civile convivenza. È chiaro che non è un atto di maleducazione ma un vero atto criminale effettuato da persone che non sanno più come passare il proprio tempo”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
17 ottobre - 18:59
"Purtroppo, le farmacie e le strutture pubbliche/private dedicate a questo servizio non sono in grado di compiere giornalmente un numero di test [...]
Cronaca
17 ottobre - 18:13
Il corpo senza vita di Elio Coletti è stato rinvenuto dall'unità cinofili dei vigili del fuoco. Il 58enne si era allontanato di casa in cerca di [...]
Cronaca
17 ottobre - 17:55
Ci hanno provato prima i familiari e poi il personale sanitario giunto sul posto con l'elisoccorso ma per il 62enne non c'era più niente da fare. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato