Contenuto sponsorizzato

Falciato sulla strada, sembra in condizioni non gravi ma poi peggiora improvvisamente e muore. Tragedia nel Bellunese

L'incidente è successo ieri sera a Danta di Cadore. A perdere la vita è stato uno storico ex sindaco del paese, Giuseppe Menia Bagatin, classe '34. Bandiera a mezz'asta in comune

Pubblicato il - 17 September 2020 - 13:06

DANTA. E' stato sbalzato sull'asfalto per diversi metri e ha sbattuto violentemente la testa al suolo rimanendo ferito ma cosciente finché non sono arrivati i soccorsi. Inizialmente considerato non in pericolo di vita è stato elitrasportato all'ospedale di Belluno ma all'improvviso la situazione è precipitata. L'uomo ha perso conoscenza e il suo quadro clinico si è complicato sempre di più. Trasferito d'urgenza a Treviso non ce l'ha fatta e i sanitari non hanno potuto far altro che constatare il decesso.  

 

Ieri sera l'ex sindaco di Danta di Cadore, comune bellunese di meno di 500 abitanti, è stato investito da un suo compaesano. Giuseppe Menia Bagatin, classe '34, primo cittadino dal 1985 al 1995 stava attraversando la strada in via Guglielmo Marconi quando all'improvviso è arrivata una macchina, guidata da un altro anziano di Danta, un 76enne, che non ha fatto in tempo a frenare e lo ha investito. Menia Bagatin è stato sbalzato ad alcuni metri di distanza (e questo ha complicato le indagini perché non è chiaro se l'uomo fosse sulle strisce o meno al momento dell'attraversamento) e nel ricadere al suolo ha riportato traumi al corpo e alla testa.  

 

Subito, erano circa le 17.45, sul posto si sono recati i soccorsi con il personale sanitario in ambulanza e in elicottero e i vigili del fuoco della zona oltre ai carabinieri di Cortina per i rilievi e per ricostruire la dinamica. Come detto, in un primo momento l'anziano ferito non sembrava in pericolo di vita. Durante il soccorso è sempre rimasto vigile e, così, è stato portato in elicottero all'ospedale San Martino di Belluno.

 

Mentre l'ex sindaco veniva portato al nosocomio la voce dell'incidente si era rapidamente diffusa in paese e si è creata molta apprensione al riguardo. Una volta a Belluno, però, le condizioni cliniche dell'uomo sono drasticamente peggiorate. E' scattato, così, il trasferimento a Treviso all'ospedale Ca' Foncello ma una volta arrivato per i medici c'è stato ben poco da fare. L'uomo è morto in serata e poco dopo le 20.30 la notizia si è diffusa in paese.

 

Da oggi le bandiere del comune sono a mezz'asta.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 aprile - 15:55
La Giunta provinciale ha dato il via per il percorso organizzativo, amministrativo e di comunicazione necessario per l'apertura delle scuole [...]
Cronaca
23 aprile - 15:08
Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Levico Termine e di Pergine che grazie all'intervento immediato sono riusciti a contenere le fiamme [...]
Cronaca
23 aprile - 13:30
Da lunedì praticamente tutta Italia tornerà gialla e il Governo ha dato un via libera a moltissime riaperture ma per le regioni non è [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato