Contenuto sponsorizzato

Forse un malore all'origine del terribile frontale con un autoarticolato: morto il noto pasticcere Roberto Garbuio

Classe '58 è stato, assieme al fratello, il titolare dello storico locale in centro a Feltre. L'incidente è avvenuto all'altezza di Barco di Levico lungo la Valsugana

Pubblicato il - 12 agosto 2020 - 19:02

LEVICO TERME. Si chiamava Roberto Garbuio ed era un grande pasticcere, uno dei più conosciuti di tutto il feltrino. Ha perso la vita nel tragico schianto avvenuto sulla Valsugana, all'altezza di Barco di Levico, questo pomeriggio, intorno alle 14. Uno scontro terribile con un autoarticolato avvenuto, di fatto, frontalmente. Sulle ragioni che hanno portato a questo tragico incidente indagano i carabinieri di Borgo Valsugana anche se, dalle prime ricostruzioni, sembrerebbe esserci un malore all'origine dell'invasione di corsia da parte di Garbuio, alla guida del suo fugoncino in direzione Padova, e del frontale tanto violento con il mezzo pesante. 

 

Roberto Garbuio, aveva 62 anni, ed era una figura conosciutissima in tutto il feltrino. Pasticcere pluripremiato, fino al settembre 2019 è stato titolare assieme al fratello della storica pasticceria Garbujo di via Tezze, in centro a Feltre. L'allerta è scattata intorno alle 14 di oggi, mercoledì 12 agosto, all'altezza di Barco di Levico. Tempestivo l'arrivo della macchina dei soccorsi tra ambulanze, vigili del fuoco di Levicocarabinieri e polizia locale per effettuare i rilievi e gestire il traffico. Le forze dell'ordine hanno isolato e messo in sicurezza l'area, mentre i pompieri hanno liberato la persona rimasta incastrata nell'abitacolo con le pinze idrauliche

 

Nel frattempo da Trento si è levato in volo l'elicottero che nel giro di pochi minuti è atterrato in statale con il personale sanitario che ha prestato le cure del caso alle persone rimaste coinvolte nell'incidente. Un impatto molto violento e il 62enne è, purtroppo, morto sul colpo. Il conducente dell'autoarticolato, un 46enne, è invece uscito praticamente illeso dall'incidente, anche se molto scosso per quanto avvenuto. 

 

Gravi anche i disagi alla viabilità, le operazioni sono state particolarmente lunghe e complesse per la gravità dell'evento. La statale è rimasta chiusa a Barco per gran parte del pomeriggio e subito si sono formate code chilometriche e rallentamenti in entrambi i sensi di marcia. A causa dei rallentamenti, un'auto ha tamponato un altro mezzo e una 20enne è dovuta ricorrere alle cure dell'equipe medica. E' stata trasferita all'ospedale del capoluogo.

 

«La notizia della morte di Roberto Garbuio ci ha lasciati attoniti. Alla sua famiglia e ai suoi cari un forte abbraccio in questo momento di dolore». Così in una nota di cordoglio la presidente di Confartigianato Belluno, Claudia Scarzanella. «Roberto Garbuio è stato un’istituzione della pasticceria feltrina e bellunese. La sua, in centro a Feltre, è tra le pasticcerie per antonomasia, simbolo di quella forza artigianale che ha saputo andare avanti e creare qualità in ogni fase storica. È sempre stato attivo nella nostra associazione, tanto da aver rivestito la carica di presidente di mestiere nella categoria alimentazione, fra gli Alimentari vari, fino alla cessione dell’attività. La sua scomparsa improvvisa e tragica lascia un vuoto che difficilmente riusciremo a riempire».

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 05:01

Le esternazioni del presidente del Mart, come quella sul Covid-19 e "Il virus del buco del culo" o "L'evasore fiscale è un patriota", erano state oggetto di diverse interrogazioni da parte delle minoranze. Consiglieri bollati dal critico d'arte come "depensanti" in qualche occasione e che non ha mai mancato di rispondere, anche duramente, alle varie sollecitazioni

30 settembre - 19:33
Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.422 tamponi, 37 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 1,53%. Sono 14 i pazienti che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero, nessun si trova in terapia intensiva ma 3 cittadini si trovano in alta intensità. Sono 5.569 i guariti da inizio emergenza e 574 gli attuali positivi
30 settembre - 18:41

Sarà possibile prenotare un appuntamento (dal 2 ottobre anche online) dal proprio medico di famiglia, negli ambulatori o con la formula del drive through. Al via la campagna per vaccinare le fasce a rischio della popolazione, Apss: “La procedura è sicura inoltre chi è vaccinato evita di ammalarsi di influenza e semplifica la diagnosi della malattia da coronavirus

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato