Contenuto sponsorizzato

Frana la rupe del Castello, paura ad Arco. Una strada interrotta e ora si attende la messa in sicurezza dell'area

L'allarme è scattato martedì sera e ieri è stato effettuato il  sopralluogo aereo con i geologi della Pat per capire l'entità dello smottamento e la procedura di messa in sicurezza da seguire

Pubblicato il - 14 maggio 2020 - 08:49

ARCO. E' la pioggia che è arrivata negli ultimi giorni che ha innescato un nuovo allarme frana. Dopo la situazione del Brione tornata a far paura nei giorni scorsi, ora a creare problemi è la rocca di Arco da dove martedì sera sono precipitati dei massi di dimensioni considerevoli che, crollando a terra hanno danneggiato anche alcuni edifici.

 

Martedì pomeriggio era stato dato l'allarme. I vigili del fuoco avevano lavorato fino a tarda sera per chiudere via Paolina Caproni Maini in località Prabi e mettere in sicurezza l'intera area coinvolta nello smottamento.

 

Le pietre cadute sono state decine e fortunatamente per la strada non stava transitando nessuno. A creare preoccupazione, però, sono altri pezzi di roccia che non risulterebbero stabili e che potrebbero rimbalzare e finire sulla strada.

Ieri, nelle prime ore della mattinata, è stato effettuato un sopralluogo aereo con i geologi della Pat e con l'assessore Tommaso Ricci per verificare la situazione definire l'entità dello smottamento. Nei prossimi giorni saranno adottati gli interventi per il disgaggio della parete e la messa in sicurezza dell'intera zona . Fino ad allora la viabilità rimarrà interrotta.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 18:59

Le incertezze sembrano riguardare un po' tutto l'apparato organizzativo. Bruno Bizzaro: "Il nocciolo di tutto è naturalmente la sicurezza di operatori, pazienti e clienti. Non tutte le farmacie dispongono di locali separati che possono essere adibiti per questo scopo e che possono essere sanificati regolarmente"

24 ottobre - 19:44

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 162 positivi a fronte dell'analisi di 2.513 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 6,45%. Sono 71 le persone che presentano sintomi. Ci sono 63 pazienti in ospedale e 4 in terapia intensiva

24 ottobre - 19:17

In serata atteso l’intervento di Conte per annunciare le nuove misure restrittive: la bozza del Dpcm (ALL’INTERNO) prevede la sospensione delle attività per piscine, centri benessere e centri ricreativi. Per contrastare la diffusione del contagio alle superiori la didattica digitale integrata passa al 75% sul totale delle lezioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato