Contenuto sponsorizzato

I VIDEO. Una maestra, un falegname e due figli alle prese con la quarantena. Gli ''Incredibili'' doppiati in dialetto

L'autore: "In questo momento non si può che guardare il bicchiere mezzo pieno: potevamo avere al governo provinciale una classe dirigente professionista nel creare e cavalcare le paure della gente come l'immigrazione oppure assessori che condividono i post fascistoidi, Sgarbi presidente del Mart a dire che il coronavirus è una boiata e come capo della Provincia un luogotenente di Salvini. Ve l'immaginate come sarebbe andata a finire?"

Di Luca Andreazza - 25 marzo 2020 - 12:17

TRENTO. Metti una maestra, un falegname, una figlia adolescente e un figlio pure chiusi in casa per due settimane. Che fare dopo l'ennesima partita a briscola, a rubamazzetto, a scala quaranta?

 

"Nei momenti difficili è sempre bene avere la capacità di concedersi una risata", spiega - spiega Alex Faggioni di Caldonazzo, il quale con la sua famiglia ha doppiato in dialetto trentino alcune scene del film di animazione "Gli Incredibili" di Pixar Animation Studios e Walt Disney Pictures, che aggiunge: "In famiglia ci confrontiamo, discutiamo, litighiamo ma cerchiamo sempre di trasmettere ai nostri ragazzi l'idea che nella vita ironiaauto-ironia sono due ancore di salvezza irrinunciabili".

 

 

Ecco il risultato dopo alcune settimane di quarantena. Oltre ad Alex, partecipano al doppiaggio Alyna, Elia e Annafiore.  "In questo momento - aggiunge - poi non si può che guardare il bicchiere mezzo pieno: potevamo avere al governo provinciale una classe dirigente professionista nel creare e cavalcare le paure della gente come l'immigrazione oppure assessori che condividono i post fascistoidi del loro delirante capo di partito passato in poco tempo da 'secessione subito' a 'Patria e Onore'. Potevamo avere, ad esempio, uno Sgarbi presidente del Mart a sbraitare in tv che il coronavirus è una boiata e gli assessori trentini a difenderlo".

 

Non solo. "A capo della provincia un presidente luogotenente di quel Salvini che fino a pochi giorni fa si scagliava contro la chiusura di fabbriche e scuole e ora ammicca all'esercito nelle strade. Ve l'immaginate come sarebbe andata a finire?", conclude Faggioni. I video intanto piacciono tantissimo e sui social impazza e viene diffuso a ripetizione.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato