Contenuto sponsorizzato

Il giornalismo trentino piange Fulvio Dalrì, storico operatore della Rai regionale. "Che l'obiettivo dello zoom lasci spazio all'infinito"

Nereo Pederzolli ricorda Fulvio Dalrì, per trent'anni operatore alla Rai regionale del Trentino-Alto Adige, morto nella mattinata di lunedì 14 dicembre per un malore improvviso. Da 4 anni in pensione, avrebbe dovuto festeggiare il raggiungimento della pensione da parte della moglie Laura Strada

Di Nereo Pederzolli - 14 December 2020 - 19:06

TRENTO. Lo ha colto uno stand-by ancora nel sonno, in un’alba dicembrina che doveva essere di festa. Perché Fulvio Dalrì è stato stroncato improvvisamente da un malore nel giorno che sua moglie Laura Strada s’apprestava a lasciare la direzione di alcune rubriche giornalistiche nazionali della Rai, per la meritata pensione. Una coincidenza drammatica, assurda quanto crudele.

 

Lui, operatore di ripresa, giornalista professionista, laurea d’ingegneria alle spalle, in pensione era da neppure 4 anni, dopo trent’anni di riprese video per la sede di via Perini. Dove era giunto vincendo una dura selezione indetta per la nascita del Tg regionale. Preciso, gentile, mai sopra i toni, con una mano – parlando del suo legame con la telecamera – ferma quanto leggera. Non amava alcun supporto fisso. Solo la libera interpretazione di quanto inquadrava nel view-finder, nel mirino di quegli attrezzi a suo tempo mastodontici, ingombranti, collegati con un registratore a cassette, il che rendeva la troupe televisiva un trio impossibile da scardinare: l’operatore alla mitica RCA, coadiuvato dallo "specializzato di ripresa" e in piena sintonia con chi, davanti loro, veniva inquadrato, anzitutto il cronista.

 

Legame e legàmi, impossibili da dimenticare. Nell’archivio dei ricordi rimangono purtroppo solo immagini sedimentate nel cervello. L’evoluzione delle riprese video, il passaggio da nastro, cassetta, scheda digitale, velocità d’uso per l’immediata "messa in onda" ha praticamente resettato ogni sequenza. Così sono rare le immagini di Fulvio Dalri dietro l’obiettivo. Del resto chi fotografa difficilmente viene immortalato. Rimane il suo impegno a sintetizzare in ogni ripresa, quel "poco ma buono" che tra tutti i giornalisti, tecnici della Rai era garanzia di professionalità.

 

Sempre disponibile a cimentarsi in qualche sperimentazione video, forte di una giovanile esperienza cinematografica, quando nei primi anni ’70 eravamo riusciti a mettere assieme brevi filmini in Super8 di una Trento tra contestazione operaia, cortei studenteschi e il rosso delle bandiere. Passione per cogliere la realtà, l’evoluzione dei tempi, l’impegno nel settore della comunicazione giornalistica.

 

In Rai aveva conosciuto Laura Strada quando lei era ancora una regista, prima di assumere incarichi giornalistici dirigenziali, Redattore capo in primis. E lui – in piena autonomia – sì è conquistato la giusta autorevolezza. Senza mai voler apparire, aspetto insito nel suo mite carattere. Scegliendo poi di mettere a disposizione la sua professionalità per alcuni docufilm – realizzati in spontaneo volontariato – nelle lontane terre africane, dove le comunità sono alle prese con scarsissime fonti idriche, dove fame e echi di guerra rendono problematica ogni speranza.

 

Tornando in Rai sempre con leggerezza, senza vantarsi; solo la sobrietà del suo lavoro. Lo ha stroncato un malore, in una subdola data. Ciao Fulvio, che l’obiettivo dello zoom lasci spazio all’infinito.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 19:47

Sono 279 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 40 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi, mentre sono 27 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

21 January - 20:22

L'albergo su corso Rosmini nel centro storico della città della Quercia resta operativo e cerca di reggere un mercato profondamente stretto e diverso. Marco Zani: "Cerchiamo anche di mettere in rete le peculiarità della zona, la vicinanza del Monte Baldo, la Campana dei caduti e i musei, così come le tante possibilità offerte dalla Vallagarina. Ideato offerte speciali per fa lavorare anche il ristorante la sera"

21 January - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato