Contenuto sponsorizzato

In Valsugana con la bici spingendo un carrello di metallo. Il pericoloso episodio fotografato dagli automobilisti

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

Di Giuseppe Fin - 01 dicembre 2020 - 13:30

PERGINE. Un carrello di metallo, di quelli utilizzati dai supermercati per trasportare le casse di prodotti, tenuto con un mano e l'altra sul manubrio della bicicletta mentre sfila tra le auto su una strada a due corsie, pericolosissima, tra camion e macchine lanciate a grande velocità.

 

Lui indossa una tuta simil-sci, cappello in testa, sciarpona e stivali e tranquillo pedala verso l'uscita per Civezzano che dista poche decine di metri da lì. Sul carrello materiale di recupero: un birillo, delle buste e degli scatoloni e a fianco, attoniti, sfrecciano gli automobilisti.

 

E' questa la scena fotografata sulla strada della Valsugana nella zona di Ciré (in direzione di Trento) qualche ora fa e caricata sui social dove sta scatenando la rete.

 

Qualcuno l'ha buttata sul ridere parlando di “nuova mobilità sostenibile degli autotrasportatori” altri, invece, giustamente, non sono mancati nel sottolineare la pericolosità di quello che è successo senza contare che un mezzo di quel genere (e nemmeno una bicicletta) non può transitare su una strada come la SS47.

 

La foto è stata fatta, come detto, nelle scorse ore ed è stata pubblicata dagli amministratori del gruppo “SOS 47 Valsugana” con la scritta “Questa mattina a Cirè in direzione Trento. TRASPORTI ECCEZIONALI

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato