Contenuto sponsorizzato

La terra trema nel bellunese. Le scosse (molto lievi) sentite anche in Primiero

Una doppia scossa di terremoto è stata sentita nella mattinata di giovedì 5 marzo. Gli epicentri nei Comuni del bellunese di Sovramonte e Pedavena. Non ci sono danni né a cose né a persone, vista la magnitudo di entità molto lieve (2.8 e 2)

Pubblicato il - 05 marzo 2020 - 10:30

TRENTO. Ha tremato la terra nella prima mattinata di giovedì 5 marzo, nel bellunese. Due lievi scosse con epicentro Sovramonte, di magnitudo 2.8 e con una profondità di 9 chilometri, e Pedavena, di magnitudo 2 e con profondità di 10 chilometri, sono stati registrati dal'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

 

Le scosse sono state sentite anche nei territori limitrofi della Provincia di Trento, nei Comuni primierotti di Imer, Mezzano e San Martino di Castrozza. La prima volta la terra ha tremato alle ore 6.57, per poi nuovamente alle 7.07.

 

Vista la bassa entità le scosse non hanno provocato alcun danno né feriti fra la popolazione locale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 ottobre - 19:15

Continuano a salire i contagi e i ricoveri tra le persone che hanno oltre i 70 anni. L'allarme arriva dai dati e dalle analisi fatte dall'azienda sanitaria trentina che mostrano un picco di contagi proprio nei prossimi giorni. Ferro: "Dei 686 morti avuti ne abbiamo più di 600 che sono collegati ad età superiori a 70 anni"

29 ottobre - 18:14

Sono stati analizzati 3.132 tamponi, 173 i test risultati positivi e il rapporto contagi/tamponi si attesta al 5,5%. In totale ci sono 118 pazienti in ospedale. Tra i nuovi positivi, 59 hanno più di 70 anni

29 ottobre - 18:45

Mentre in Alto Adige Kompatscher si è adeguato alle norme nazionali mettendo in sicurezza i suoi ristoratori ed esercenti per quanto riguarda l'accesso ai contributi (dopo aver preso atto che con meno clienti in circolazione non conveniva restare aperti con i rischi sanitari che ci sono) il Trentino continua con lo scontro con Roma: ''Alle 18.10 noi ancora non abbiamo visto nessuna atto ufficiale di impugnazione''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato