Contenuto sponsorizzato

Lui chiede un ultimo bacio ma la sfregia con un coltello e scappa in auto. L'aveva già cacciato ma era stata costretta a riprenderlo in casa a causa di Covid-19

La donna era stata costretta a riammetterlo in casa perché a San Zeno di Montagna aveva conservato la residenza e lì avrebbe dovuto trascorrere il periodo di lockdown. In questi mesi, i contrasti tra i due si erano nuovamente acuiti per la gelosia dell’uomo che accusava la donna di aver allacciato una nuova relazione. La fuga è durata poche ore

Pubblicato il - 29 May 2020 - 22:02

SAN ZENO DI MONTAGNA. Lesioni personali aggravate e deformazione dell'aspetto della persona per lesioni permanenti al viso, queste sono le accuse mosse dai carabinieri ad un 40enne residente a San Zeno di Montagna.

 

E' una vicenda drammatica quella che si è consumata nel veronese, quando al termine di un litigio, un 40enne originario del Marocco ha colpito con un coltello al volto e alla testa l'ex compagna di 52 anni per poi dileguarsi in auto. 

 

La fuga, però, è durata poche ore. Le indagini sono partite immediatamente e i carabinieri sono riusciti a ridurre il raggio d'azione del sospettato, fino a rintracciarlo a Reggio Emilia

 

E' successo intorno alle 20 di ieri, giovedì 28 maggio: il litigio è degenerato e il 40enne ha afferrato un coltello per sfregiare la donna, con la quale aveva convissuto per più di dieci anni. Il rapporto, che è sempre stato piuttosto travagliato anche se non aveva mai fatto registrare atti di violenza, era stato interrotto dalla 52enne alcuni mesi fa quando l'uomo è stato allontanato da casa.

 

Da quel momento il 40enne aveva trovato ospitalità da alcuni connazionali a Costermano, ma anche da lì se ne era dovuto andare per il suo carattere irrequieto. Con l’arrivo della pandemia Covid-19, però, la donna era stata costretta a riammetterlo in casa perché a San Zeno di Montagna aveva conservato la residenza e lì avrebbe dovuto trascorrere il periodo di lockdown.

 

In questi mesi, i contrasti tra i due si erano nuovamente acuiti per la gelosia dell’uomo che accusava la donna di aver allacciato una nuova relazione. Cadute le restrizioni, la donna è tornata a insistere affinché l'ex convivente lasciasse nuovamente l'abitazione. Dopo aver fatto i bagagli e aver recuperato i documenti, il 40enne ha chiesto alla 57enne un ultimo bacio

 

La donna si è avvicinata, lui ha sferrato una violenta serie di fendenti e poi è fuggito a bordo della sua Audi A3 nera che aveva già caricato con gli effetti personali. La vittima, subito soccorsa, è stata condotta in ospedale dove è stata trattenuta in osservazione, con una prima prognosi di 20 giorni per una ferita maggiore del volto superiore a 20 centimetri con conseguente lesione permanente e un taglio al cuoio cappelluto.

 

Immediato anche l'arrivo dei carabinieri per i rilievi e per avviare le indagini. I militari dell'arma sono riusciti a ricostruire la rete di amicizie e possibili appoggi del 40enne in quanto è stato subito accertata la sua volontà di fuggire all'estero.

 

Le rapide ricostruzioni hanno consentito ai carabinieri di ipotizzare la presenza del 40enne a Reggio Emilia. Una conferma è arrivata quando il sistema varchi di lettura targhe ha individuato l’auto nella provincia reggiana, dove si sono concentrate le ricerche.

 

Alle 2.30 di notte, i carabinieri del posto sono riusciti a intercettare e fermare l’auto condotta dal 40enne in via Anna Frank di Reggio Emilia. La perquisizione veicolare ha consentito di rinvenire ulteriori indicazioni a confermare la sua responsabilità nel delitto in questione, quali gli abiti indossati durante l’accoltellamento oltre a elementi che hanno avvalorato la tesi della probabile fuga all’estero, quali il rinvenimento di 2 valige con abbigliamento e effetti personali, ma anche soldi in contanti per circa 1.500 euro.

 

Alla luce dei gravi indizi di colpevolezza acquisti a suo carico e del concreto pericolo di fuga, l’uomo è stato quindi sottoposto a fermo di indiziato di delitto e ristretto al carcere di Reggio Emilia a disposizione della competente Procura, con le accuse di lesioni personali aggravate e deformazione dell'aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 December - 20:28

Da qualche giorno appare chiaro che sommando i positivi trovati con i molecolari e gli antigenici il Trentino appare in linea (anzi con dati peggiori come per altro sui decessi e le terapie intensive) con l'Alto Adige. Ieri i positivi ''reali'' erano circa 520 (a fronte dei 156 comunicati in conferenza stampa) e sabato erano circa 800 (a fronte dei 219 di Fugatti e Segnana). Da domani anche la Pat dovrebbe fornire i dati completi uniformandosi alla vicina provincia di Bolzano

02 December - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

02 December - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato