Contenuto sponsorizzato

Maltempo, raffiche di vento a oltre 100 km/h sradicano e danneggiano i meleti. Alberi e piante messe a dura prova. Notte di lavoro per i vigili del fuoco

Una nottata illuminata a giorno dalla "tempesta di fulmini" che si è scaricata sulla valle dell'Adige. I due sobborghi di Ravina e Romagnano in particolare sono stati sferzati soprattutto da fortissime raffiche di vento. Tanti i rami caduti sulla sede stradale, strutture divelte e la stabilità di alberi messa a dura prova

Di L.A. - 29 agosto 2020 - 12:13

TRENTO. Meleti danneggiati e sradicati, rami caduti e diversi allagamenti. L'intesa perturbazione che si è abbattuta nella tarda serata di ieri, venerdì 28 agosto, ha causato molti danni in particolare tra Ravina e Romagnano.

 

Una nottata illuminata a giorno dalla "tempesta di fulmini" che si è scaricata sulla valle dell'Adige (Qui video). I due sobborghi sono stati sferzati soprattutto da fortissime raffiche di vento. Tanti i rami caduti sulla sede stradale, strutture divelte e la stabilità di alberi messa a dura prova.

 

I maggiori problemi si rilevano nelle aree agricole, tanti i meleti che hanno ceduto alla furia di vento e pioggia: interi filari sono stati sradicati e sono usciti dalla propria sede. Sono ingenti i danni e complicate le attività per ripristinare o rimuovere le piante fuori dalla sede.

 

A Romagnano sono stati molti gli interventi nel centro abitato per mettere in sicurezza piante, pulire le arterie e diverse zone dai detriti. Alcuni scantinati son ostati invasi dall'acqua e i pompieri sono entrati in azione per gestire tutte le criticità. 

 

Le operazioni sono sono concluse poco dopo mezzanotte con il rientro in caserma delle squadre impegnate in varie zone del centro abitato.

 

Qualche problema anche a Ravina, i pompieri sono dovuti intervenire per tagliare una pianta in piazza pericolante a causa del vento, molti gli alberi danneggiati. Anche a Mattarello qualche danneggiamento a causa del fortissimo vento.

 

Non si placano i temporali che nei giorni scorsi si sono abbattuti sul Nordest, in particolare nella zona del veronese dove i vigili del fuoco sono stati chiamati a effettuare centinaia di interventi in soccorso di persone che si sono trovate a fare i conti con pioggia e violente grandinate. 

 

Nella notte fra venerdì 28 e sabato 29 agosto un violento nubifragio ha colpito Verona e provincia causando l’allagamento di negozi e abitazioni (Qui articolo), mentre nella zona del Garda l’ospedale Orlandi di Bussolengo è stato invaso dall’acqua. Come se non bastasse secondo le previsioni si attendono, anche nel pomeriggio di oggi, fenomeni temporaleschi intensi che si abbatteranno sul Nord Italia (Qui articolo).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 12:08

L’Associazione Trentina Fibrosi Cistica attende da tempo delle risposte dall’assessora Segnana, tanto che per avere notizie sulla campagna vaccinale (non ancora arrivate) ha dovuto far intervenire l’avvocato: “In Veneto e in altre Regioni le vaccinazioni sono già partite, ci sentiamo emarginati dalle stesse Istituzioni che dovrebbero tutelarci”

03 marzo - 12:22

Trema la terra in Grecia. La seconda scossa, con epicentro a nord di Atene, ha raggiunto i 6.3 gradi di magnitudo. Paura tra la gente, scesa in strada per la potenza del terremoto

02 marzo - 21:32

In picchiata anche la spesa turistica, con una rilevante flessione di 20 miliardi di euro il cui 73% è concentrata in sei sistemi turistici regionali. E anche il mese di gennaio 2021 registra una battuta d’arresto allarmante e, purtroppo, prevedibile: -14,4 milioni di pernottamenti e -4,8 milioni di turisti con una variazione negativa dell’80% rispetto a 12 mesi prima

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato