Contenuto sponsorizzato

Multa da 1200 euro ad uno studente con lo skateboard elettrico. La polizia locale: ''Non si è fermato all’intimazione"

La Polizia locale ha voluto ribadire la propria posizione. Lo skateboard era dotato di motore elettrico, motivo per cui assumeva le caratteristiche di veicolo a motore per il quale il codice della strada richiede l’obbligo di immatricolazione, con rilascio del relativo certificato di circolazione

Pubblicato il - 30 settembre 2020 - 16:13

TRENTO. La vicenda è avvenuta nello scorso fine settimana e l'abbiamo già raccontata ieri. Protagonista è uno studente universitario che stava tornando a casa con uno skateboard elettrico quando, ad un certo punto, è stato fermato dagli agenti della polizia locale di Trento che lo hanno multato con 1200 euro e tolti 15 punti della patente.

 

Oggi la Polizia locale ha voluto ribadire la propria posizione. Lo skateboard era dotato di motore elettrico, motivo per cui assumeva le caratteristiche di veicolo a motore per il quale il codice della strada richiede l’obbligo di immatricolazione, con rilascio del relativo certificato di circolazione.

 

Risulta infatti equiparabile ad un ciclomotore poiché in grado di sviluppare una velocità massima di 40 km/h ed una potenza di 800 watt.

 

Il giovane, ha spiegato la polizia locale in una nota, circolava con questo veicolo quando è stato intercettato dalle pattuglie della polizia locale che hanno intimato l’alt mentre percorreva via San Francesco d’Assisi verso le 23.15 di domenica sera.

 

Il conducente, spiega ancora la polizia locale, non si è fermato all’intimazione costringendo gli operatori a seguirlo ed a bloccarlo in piazza Garzetti. Inevitabile contestare a questo punto le violazioni previste dalla legge per chi circola con un ciclomotore non immatricolato. Lo skateboard è stato sequestrato.

 

Da quando è entrata in vigore la normativa sulla conduzione dei monopattini elettrici, la polizia locale ha contestato lo scorso 2 settembre un’analoga violazione ad un conducente di skateboard dotato di motore elettrico. Anche in questo caso sono state applicate le violazioni sopra descritte.

 

Per quanto riguarda la circolazione dei monopattini elettrici recentemente sono state contestate altre violazioni: a carico di persone che circolavano con monopattino elettrico dotato di sedile, oppure per guida senza casco da parte di minore degli anni 18, o ancora per circolazione in orario serale notturno senza giubbino/bretelle retroriflettenti oltre ad alcune violazioni alle norme di comportamento previste dal Codice della Strada quali la circolazione sul marciapiede, la circolazione in senso vietato, il passaggio con il semaforo rosso.

 

Gli unici dispositivi elettrici ai quali è consentita la circolazione avviando una fase sperimentale per la circolazione su aree urbane e strade sono individuati negli hoverboard, segway e monowheel: possono però circolare in ambito urbano solo se apposita delibera comunale li ammette in via sperimentale, cosa che il Comune di Trento non ha fatto.

 

Solo i monopattini elettrici, da quest’anno, essendo equiparati alle biciclette, possono circolare su strada senza particolari prescrizioni relative all'omologazione, approvazione, immatricolazione, targatura, copertura assicurativa, pur in presenza di alcune regole specifiche che riguardano:

  • i limiti di età per la loro conduzione (14 anni)
  • l'obbligo dell'uso del casco per i minori di diciotto anni
  • l'obbligo di indossare il giubbotto retroriflettente in condizioni di scarsa visibilità
  • avere un motore elettrico di potenza nominale continuativa non superiore a 0,50 kW (500 watt)
  • non essere dotati di posto a sedere per l'utilizzatore perché destinati ad essere utilizzati da quest'ultimo con postura in piedi
  • essere dotati di limitatore di velocità che non consenta di superare i 25 Km/h quando circolano sulla carreggiata delle strade e i 6 km/h quando circolano nelle aree pedonali
  • essere dotati di un campanello per le segnalazioni acustiche
  • riportare la marcatura «CE»
  • da mezz'ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell'oscurità, e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l'illuminazione, devono essere equipaggiati con luci bianche o gialle anteriori e con luci rosse e catadiottri rossi posteriori per le segnalazioni visive ed in mancanza non possono essere utilizzati, ma solamente condotti o trasportati a mano.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 05:01

Le incertezze sono enormi e probabilmente tutto resta sul tavolo, un vertice di presidente e assessore per riconoscere l'autonomia decisionale dei territori. L'unico contributo della Provincia è quello di impostare un protocollo sanitario che stabilisca le modalità di organizzazione degli eventi da firmare

22 ottobre - 19:56

Sono stati, purtroppo, comunicati 3 decessi tra Trento, Baselga di Pinè e Ville d'Anaunia: 17 morti in 13 giorni e 18 vittime in questa seconda ondata di Covid-19. Il bilancio complessivo è di 7.649 casi e 488 decessi in Trentino da inizio emergenza

22 ottobre - 18:32

Il presidente della Provincia di Trento è parso ancora ottimista anche se rispetto a qualche giorno fa ha ammesso che qualche preoccupazione c'è. Ma sui ''pochi'' contagi nelle scuole (che pure in pochi giorni hanno raddoppiato le classi in quarantena) la responsabilità ha spiegato che è delle attività extrascolastiche: ''Questo è un tema. Stiamo riflettendo con l'Apss''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato