Contenuto sponsorizzato

Nonostante le restrizioni non rinunciano alla grigliata del 1 maggio. Incendiano parte di bosco

I fatti sono successi oggi tra la Valpantena e la Lessinia. Ad accorgersi del fumo e delle fiamme che stavano bruciando i primi alberi una persona del posto

Pubblicato il - 01 maggio 2020 - 20:53

GREZZANA. Primi giorni di semilibertà, in Veneto, con passeggiate e qualche attività all'aperto in più rispetto al periodo di lockdown stretto vissuto nelle scorse settimane, e subito c'è chi prova ad approfittarsene trasformando un assembramento clandestino addirittura in un incendio con conseguente intervento dei vigili del fuoco. I fatti sono avvenuti quest'oggi tra i boschi sopra Praole tra Cerro Veronese e Grezzana tra la Valpantena e la Lessinia.

 

All'improvviso una persona del posto ha notato il fumo alzarsi da una radura vicino all'inizio della boscaglia e poi in poco tempo si è sviluppata una lunga lingua di fuoco che stava andando a bruciare gli alberi. Subito ha allertato i vigili del fuoco che si sono portati rapidamente sul posto ed hanno iniziato subito le operazioni di spegnimento che sono andate avanti per diverso tempo ma, fortunatamente, la zona è stata isolata e messa in sicurezza.

 

Secondo le prime ricostruzioni si sarebbe trattato di un incendio doloso (anche perché la sera prima ha piovuto) dovuto, probabilmente, a qualche improvvido cittadino che ha pensato di non rinunciare alla grigliata del primo maggio e di andare a godersi, nonostante le restrizioni legate all'emergenza coronavirus, la bella giornata di sole tra i monti. Il risultato è stato un disastro con danni alla boscaglia che sarebbero potuti essere molto peggiori se non fossero intervenuti i vigili del fuoco. Sul posto sono stati trovati gli attrezzi per la griglia ma nessuna persona.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 11:45

I due consiglieri provinciali hanno sfoderato uno l'immagine del Grinch l'altro quella trita e ritrita del ''sindacalista di sinistra'' ma il capolavoro è dell'assessore al turismo che parla di ''danno enorme per l'economia della città di Trento e per l'immagine dell'intero Trentino''. Proprio lui autore della legge sulle chiusure domenicali nel momento dove serviva spingere al massimo l'economia e che ha direttamente bollato Trento e molte altre località come ''non turistiche''

20 ottobre - 11:25

Le due deputate pentastellate Doriana Sarli e Carmen Di Lauro sono riuscite "dopo quasi dieci ore di attesa" a entrare nel centro del Casteller. Giunte per "constatare la situazione dei 3 orsi", si erano viste negare l'accesso dalla Provincia e dai gestori, rivolgendosi allora ai carabinieri di Trento. "Abbiamo verbalizzato una denuncia. Gli orsi stanno bene ma gli spazi sono inadeguati. Devono essere liberati"

20 ottobre - 11:57

Il bollettino Coronavirus dell'Azienda sanitaria altoatesina conta oggi ben 209 casi in più. Un numero altissimo, mai registrato in 24 ore. Il tasso contagi/tamponi schizza così all'11,5%, con un bilancio provvisorio che cresce e supera i 5000 contagiati da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato