Contenuto sponsorizzato

Quali sono i migliori pandori e panettoni che troviamo al supermercato? Ecco la classifica di Altroconsumo

Quali sono le migliori marche di pandoro e di panettone che possiamo trovare al supermercato? L'associazione di consumatori Altroconsumo ha stilato la classifica, offrendo a chi si reca tra le corsie degli utili consigli per comprendere la qualità dei prodotti

Pubblicato il - 26 December 2020 - 17:59

TRENTO. Quali sono i migliori panettoni e pandori? Al di là dell'annosa discussione sulle preferenze degli italiani fra il dolce con i canditi e quello con lo zucchero a velo, Altroconsumo ha stilato una classifica sulle migliori qualità che si possono trovare nei supermercati italiani. Non c'è dubbio infatti che i più gustosi si trovino nelle pasticcerie, ma non tutti hanno il tempo o il denaro per acquistarli.

 

Così, l'associazione a difesa dei consumatori ha deciso di offrire dei semplici consigli per l'acquisto, indicando le qualità e le marche migliori. Partendo dal dolce coi canditi, l'esortazione è a dare un'occhiata agli ingredienti. L'aspetto esterno del panettone deve al tempo stesso seguire dei precisi canoni: deve essere a cupola e non a fungo, emergendo dal pirottino, cioè dal contenitore di carta che lo avvolge, senza strabordare eccessivamente di lato. Deve avere poi un colore all'apparenza tostato per la crosta e per il fondo.

 

All'interno, invece, il panettone deve essere preferibilmente tendente al giallo. Se ci sono dei puntini neri, significa che contiene vaniglia. L'alveolatura dell'impasto, nondimeno, deve essere grande e e non omogenea, la pasta morbida e soffice ma senza occhiature eccessive al centro. E i tanto criticati canditi? Devono essere distribuiti omogeneamente, con una maggiore qualità segnalata dalla presenza del cedro candito e dalla grossa taglia dei pezzi.

 

L'odore intenso e aggressivo potrebbe indicare la presenza di aromi artificiali, mentre un buon panettone si segnala semmai per il profumo di uova, burro e vaniglia. Riguardo al sapore, infine, i canditi non devono risultare eccessivamente dolciastri, così come la superficie non deve sapere di bruciato.

 

Rispetto a queste caratteristiche, quali sono dunque i migliori panettoni che possiamo trovare al supermercato? Altroconsumo concede la palma di miglior panettone a Le Grazie di Esselunga. Con un costo di 3,69 euro, è il migliore tra i dolci in questione, seguito da Fior Fiore Coop (8,96 euro), Le Tre Marie (11,45 euro) e Panettone Milano di Vergani (14,25 euro).

 

Al quinto posto troviamo invece il Gran Nocciolato Maina (5,98 euro), seguito dal Panettone classico Giovanni Cova & Co (9,9 euro), il Panettone classico Bauli (5 euro), il Mandorlato Balocco (5,47 euro), l'Extra panettone Carrefour (3,36 euro). Al decimo e ultimo posto della classifica c'è infine il Panettone originale Motta (4,27 euro).

 

Per gli amanti del pandoro, invece, è bene seguire queste poche ma utili regole. Almeno il 50% di un buon pandoro deve essere costituito dall'impasto base. Nella versione tradizionale devono esserci obbligatoriamente farina di frumento, zucchero, uova di gallina di categoria “A” (quindi con non meno del 4% di tuorlo), burro (in quantità non inferiore al 20%), lievito naturale di pasta acida, aromi di vaniglia o equivalenti estratti e sale.

 

Esternamente il pandoro deve apparire di forma ottagonale. Una “stella” con otto punte in cui sui lati le coste deve presentarsi dritte e senza segni di cedimento, perché in caso contrario palesano un difetto nella fase di lievitazione. La superficie esterna deve essere priva di crosta, non lucida e unta, mentre la colorazione deve essere dorata e uniforme.

 

Se la base del pandoro ti sembra più scura o addirittura bruciata la temperatura utilizzata per cuocerlo è stata eccessiva. La parte bassa, infine, non deve essere compressa, perché in tal caso il dolce è stato girato troppo presto quando era ancora caldo. All'interno, invece, il colore della pasta deve apparire giallo e uniforme. La presenza di una colorazione più chiara nella parte interna è indice della migrazione di umidità verso l'esterno data da eccessiva cottura. Contrariamente al panettone, l'alveolatura deve essere fine e uniforme.

 

Per quanto riguarda aroma e gusto, nel caso del pandoro migliore non dovrebbero essere percepiti odori troppo intensi, o acidi causati dal lievito. Aroma e gusto di burro e vaniglia caratterizzano una buona qualità all'assaggio. Qual è dunque la classifica?

 

Altroconsumo consegna in questo caso la palma di miglior pandoro nei supermercati a Ricetta classica di Maina, sugli scaffali al costo di 5,67 euro. Seguono Il pandoro di Verona Bauli (5,14 euro), il Pandoro di Scarpato (21,4 euro) e Originale di Melegatti (4,53 euro). Pandoro Balocco (4,15 euro), Pandoro Perbellini (19,43 euro), Verona di Conad (2,96 euro) e Verona ricetta classica di Paluani (4,24 euro) sono gli altri segnalati.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
25 settembre - 13:16
Lo striscione intimidatorio è stato rivendicato dal Veneto Fronte Veneto Fronte Skinheads. La replica della Cgil: “Difendiamo la salute e il [...]
Cronaca
25 settembre - 12:59
L'incidente è avvenuto all'altezza della stazione di Marter (Roncegno Terme). Il corpo dell'animale preso in custodia dal corpo forestale. Notte [...]
Politica
25 settembre - 12:27
I cinque consiglieri del gruppo Verde regionale (fra cui Coppola e Zanella) hanno fatto sapere che restituiranno l’intera somma legata al [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato