Contenuto sponsorizzato

Schianto frontale tra due macchine, i vigili del fuoco liberano dalle lamiere i feriti. Quattro persone coinvolte

Lo schianto è avvenuto nella tarda serata di ieri sulla SS12 all'altezza di Marco di Rovereto e sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Rovereto, i soccorsi sanitari della Stella d'Oro di Ala e la polizia locale per i rilievi  

Pubblicato il - 27 ottobre 2020 - 07:43

ROVERETO. Grave incidente nella tarda serata di ieri nella zona di Marco di Rovereto che ha visto coinvolte due macchine e il ferimento di tre giovani, due 28enni e una 30enne, assieme ad un uomo di 56 anni.

 

E' successo attorno alle 21.30 sulla strada statale 12. Secondo una prima ricostruzione, che dovrà ora essere confermata dalle forze dell'ordine che si sono portate sul posto, si tratta di un frontale.

 

Lo schianto è stato talmente violento che diversi pezzi delle due auto sono volati a molti metri di distanza e i due mezzi si sono praticamente distrutti.

Sul luogo di incidente ad intervenire sono stati i vigili del fuoco volontari di Rovereto con le pinze idrauliche per liberare i feriti che sono rimasti incastrati fra le lamiere. Visto la gravità delle condizioni di alcuni è stato chiesto l'intervento dell'elicottero che si è alzato da Trento con l'equipe medica d'emergenza per poi atterrare nel campo sportivo di Marco.

I soccorsi sanitari della Stella d'Oro di Ala hanno stabilizzato i pazienti, alcuni sono stati poi elitrasportati all'ospedale Santa Chiara di Trento altri all'ospedale di Rovereto. Il traffico sulla SS12 è stato interrotto per consentire i rilievi da parte delle forze dell'ordine e successivamente la rimozione dei veicoli incidentati e la pulizia della strada.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 04:01

Flavia è la sorella di una malata di tumore della Val di Sole. Da martedì 1 dicembre sarà costretta ad accompagnarla a Trento, perché il Day hospital oncologico di Cles è stato chiuso. La Provincia infatti non ha voluto mantenerlo aperto dopo l'uscita di scena dell'oncologo che se ne occupava. "Dirigenti e funzionari, ricordatevi che davanti a voi avete persone con la propria dignità, non avete davanti burattini che potete spostare da un teatro all'altro"

01 dicembre - 07:50

L'operazione all'alba da parte dei carabinieri. L'organizzazione era ben radicata e operava anche in altri territori. Il risultato di un'articolata attività di indagine 

30 novembre - 18:39

L'Unione degli Universitari chiede alle forze politiche di  "Opporsi a questa proposta, perché non venga scavalcato il ruolo dell'Università in questa scelta”. Unitin: "Bisogna preservare l'autonomia dell'Università e non possiamo dare spazio ad ingerenze politiche parziali”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato